Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Fecondazione eterologa

Approvate le linee guida che disciplinano l'accesso ai trattamenti

È stato adottato ieri dalla Giunta il documento che dà il via libera definitivo alla fecondazione eterologa nella nostra regione. Con una delibera sono state recepite rapidamente, vista la natura urgente del provvedimento, le linee guida nazionali, condivise e approvate  dalla Conferenza delle Regioni e Province autonome, per rendere esigibile il diritto alle prestazioni, come spiega ai nostri microfoni l'assessore alle Politiche per la salute Carlo Lusenti.

Intervista Carlo Lusenti

Le linee guida approvate definiscono i criteri di selezione dei donatori e dei riceventi, gli esami infettivologici e genetici da effettuare, il numero di donazioni che un donatore o donatrice può effettuare, le regole sull’anonimato dei donatori, i criteri di esecuzione della fecondazione eterologa, la tracciabilità delle donazioni.

Come per la fecondazione omologa, tutti gli esami, i controlli e la metodica sono a carico del Servizio sanitario nazionale, con il limite massimo di 43 anni per le donne riceventi e un numero massimo di 3 cicli da effettuare nelle strutture pubbliche. La compartecipazione alla spesa (il ticket) è prevista solo per gli esami diagnostici e di valutazione dell’idoneità per entrambi i componenti della coppia, precedenti all’avvio della procedura.

Gratuita e volontaria è la donazione, così come gli esami e i controlli che devono effettuare donatori e donatrici. I donatori maschi devono avere un’età tra i 18 e i 40 anni, le donatrici tra i 20 e i 35 anni.

 Tutte le strutture che eseguono procedure di procreazione medicalmente assistita possono già effettuare la fecondazione eterologa, come previsto dal documento approvato dalla Conferenza delle Regioni. Rispetto ai nuovi ulteriori requisiti specifici di autorizzazione per la fecondazione eterologa, le linee regionali individuano un periodo di transizione entro il quale le strutture, sia pubbliche che private, devono adeguarsi (entro il 31 dicembre 2014).

In attesa di realizzare un registro nazionale dei donatori che possa consentire la tracciabilità dei dati tra donatore e nato, pur garantendo l’anonimato, ogni centro conserverà le proprie banche dati e non potrà, per motivi di sicurezza, scambiare i gameti con altri centri.

Tags

Note

A cura di Piera Raimondi Cominesi