Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Il Colli di Parma DOC Sauvignon: profumi sorprendenti, buona struttura ed equilibrio

L’eccellente annata 2013 dell’Azienda Lamoretti ai piedi del Castello di Torrechiara

La storia è quella di un emigrante che ha fatto fortuna in America, lo zio Giuseppe.
Ma una fortuna ancora più grande lo zio Giuseppe l’ha poi trovata tornando nella sua terra di adozione, le prime colline a sud di Parma, a ridosso del Castello di Torrechiara ed a pochi chilometri dal centro della città.

Sarebbe dovuto tornare in America ma non lo fece. Anziché i grattacieli di Manhattan, Zio Giuseppe per il resto della sua vita contemplò un castello e le colline dove crescevano vigorose le viti che vi aveva piantato, Malvasia di Candia Aromatica, Moscato bianco, Barbera, Bonarda, Cabernet Sauvignon, Marzemino e Sangiovese.

I vigneti dell’Azienda Agricola Lamoretti si estendono per circa 20 ettari. Il terreno, ben drenato, è di natura argillosa con un alto contenuto di calcare attivo, i vigneti pertanto sono poco produttivi e le uve molto concentrate.
La conduzione è rigorosamente famigliare e così ogni cassa d’uva viene controllata direttamente, come ogni altra fase di vinificazione.

Oggi siamo ospiti del suo titolare Giovanni Lamoretti.
Buongiorno Giovanni, l’azienda in cui ci troviamo ha coinvolto diverse generazioni della tua famiglia. Raccontaci com’è nata

Intervista Giovanni Lamoretti

A guidarci nella degustazione di questo Sauvignon che promette soratutto al naso delle belle sorprese c’è Maurizio Manzoni, responsabile dell’Enoteca Regionale di Dozza, che saluto.
Ciao Maurizio

Degustazione con Maurizio Manzoni

Parma non è distante da Langhirano e la raggiungo per conoscere Terry Giacomello e le sue creazioni gastronomiche stellate al Ristorante INKiostro che si trova appena fuori le porte della città.

Come ho anticipato nella scorsa puntata Terry Giacomello è un friuliano tutto fuoco, animato da una grande passione che si esprime nel modo in cui parla ma soprattutto nel modo in cui cucina.

Terry ha viaggiato moltissimo, ha lavorato nelle cucine di chef di fama internazionale, uno per tutti Ferran Adrià.

Quando mi sono documentata su di lui, sulle sue esperienze precedenti in ambito ristorativo e su quali erano i suoi piatti ‘forti’ immaginavo che avrei incontrato un cuoco tutta tecnica ed invece mi sbagliavo.

La tecnica c'è, è presente ed è sorprendente, Terry lavora le materie prime e ti lascia a bocca aperta con i risultati che ottiene. Poi quando avviene l’incontro con il sapore, quando assaggi i suoi piatti c’è tutta la sua personalità, il calore e l’entusiasmo di uno chef che incredibilmente sperimenta con curiosità e fantasia.
Ascoltiamo la sua intervista

Intervista a Terry Giacomello

Saluto la provincia di Parma, l’accoglienza delle sue genti e i suoi castelli, i musei del gusto e gli eccellenti prodotti per i quali è famosa in tutto il mondo.

Prossima tappa le colline di Scandiano in provincia di Reggio Emilia dove all’inizio del secolo scorso Giuseppe Casali decise di realizzare il sogno della sua vita fondando l’azienda vitivinicola che oggi porta il suo nome.

In programma anche una ghiotta incursione nella cucina di Gianni D’Amato che, dopo gli anni d’oro del Rigoletto a Reggiolo, nel 2013 si è lanciato in una nuova scommessa aprendo il Caffè Arti e Mestieri all’interno di uno storico palazzo nel cuore di Reggio Emilia.

Appuntamento quindi nel Reggiano e…
un brindisi alla vostra salute da Laura di Cantine & Cucine

Tags

Note

A cura di Laura Di Salvo