Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

I vini delle sabbie di Corte Madonnina

Venite a degustarli all'ombra dell'Abbazia di Pomposa

Bentrovati a Cantine & Cucine amici di RadioEmiliaRomagna.

La strada che percorro è ancora quella per Codigoro e anche oggi non trovo quella suggestiva nebbia che solitamente avvolge il paesaggio di queste zone.
Al contrario, un tiepido sole fa rispendere negli argini del grande fiume il riflesso verde degli alberi, che si iniziano a tinteggiare con i colori dell’autunno.

Seguo le indicazioni per l’Abbazia di Pomposa perché l’azienda che oggi vi porto a visitare è stata costruita proprio davanti ad uno dei centri monastici più fiorenti e influenti del Medioevo.
Venite in questa terra dominata dallo svettante campanile, visitate la Basilica di Santa Maria dove potrete ammirare i cicli di affreschi di ispirazione giottesca e il bellissimo pavimento a mosaico con intarsi di preziosi marmi.

Dopo essermi riempita gli occhi di così tanta bellezza è arrivato il momento di soddisfare anche i capricci del palato e, con una piacevole passeggiata attraverso il parco, arrivo davanti alla porta dell’azienda.
Sono a Corte Madonnina, dove ad attendermi c’è il suo proprietario Vittorio Scalambra e dove vi invito a seguirmi.

Intervista a Vittorio Scalambra

Nel recarmi alla Rocca di Dozza, scorgo due caprioli che corrono e saltellano giù dalla collina. Anche se vengo spesso, il panorama di questo bel borgo mi incanta sempre, mettendomi di buon umore, così come degustare un buon vino in compagnia di Maurizio Manzoni, immancabilmente professionale e preciso, che ogni volta mi insegna qualcosa di più sui vini che porto con me.

Degustazione con Maurizio Manzoni

E rieccomi a Ferrara, come non innamorarsi di uno dei centri storici più belli dell’Emilia e dell’Italia, dove i fasti delle corti estensi e l’aria rinascimentale ti immergono in un’atmosfera di altri tempi.

Schietto, quasi a dare l’impressione iniziale di essere un po’ burbero, ed invece carico di una simpatia contagiosa, vulcanico, dotato di solida consapevolezza e con le idee chiarissime. Vi sto presentando Pierluigi Di Diego chef de Il Don Giovanni e de La Borsa Bistrot ospitati all’interno del bellissimo palazzo che un tempo era sede della Borsa di Ferrara, a pochi passi dal Castello Estense.

Intervista a Pierluigi Di Diego

Bene amici,
ci avviamo alla conclusione, come sempre voglio darvi un assaggio di ciò che vi aspetta nella prossima puntata di Cantine & Cucine.
Giocherò in casa stavolta, perché sarà Bologna, la dotta, la grassa, la rossa, la protagonista con i suoi ottimi vini e la sua eccellente gastronomia riconosciuta a livello mondiale.
La prima tappa nella città felsinea vedrà protagoniste due donne strepitose: Donatella Agostoni, anima e conduttrice dell’Azienda Manaresi di Zola Predosa, e un’altra regina dei colli bolognesi Aurora Mazzucchelli, una stella che risplende su Sasso Marconi.

Un brindisi alla vostra salute,
da Laura di Cantine & Cucine

Se volete approfondire consultate i siti:  www.cortemadonnina.it - www.enotecaemiliaromagna.it - www.ildongiovanni.com

In questa puntata avete ascoltato: Iggy Pop - The Passenger, David Bowie - Absolute Beginners, Radiohead - Creep, Nirvana - Come As You Are, Bruce Springsteen - O Mary Don't You Weep

Tags

Note

A cura di Laura Di Salvo

Commenti

commenti gestiti con Disqus