Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

I burattini delle Famiglia Monticelli di Ravenna al Theatre du Peruchet di Bruxelles

Lo spettacolo dell'Emilia-Romagna nel mondo

Sabato 16 e domenica 17 maggio alle ore 15, al Théâtre Royal Du Peruchet di Bruxelles, il Teatro del Drago di Ravenna presenta Il Trionfo di Fagiolino. Lo spettacolo rientra nell’ambito de Le Giornate Europee delle Marionette e vede sul palco la famiglia d’arte Monticelli, una delle famiglie marionettiste storiche italiane che interpreta sia spettacoli tradizionali che contemporanei. È da oltre 125 anni che la famiglia ravennate fa burattini (oltre ad aver allestito un museo a Ravenna, chiamato La casa delle marionette), ora è la volta della quinta generazione a cimentarsi con i burattini della tradizione romagnola.  

Si inaugura il 7 maggio “Cento terrecotte raccontano la Divina Commedia" dello scultore e ceramista Enzo Babini, la mostra ospitata presso l'Istituto Italiano di Cultura di Budapest che vuole celebrare il 750esimo anniversario della nascita di Dante.
La Divina Commedia in cento formelle di terracotta: è questa l’idea alla base dell’opera dedicata al poema dantesco. L’esposizione, che potrà essere visitata fino al 21 maggio fa parte delle attività promosse dalla nostra rete diplomatico-consolare e degli Iic per celebrare il fondatore della lingua italiana. Babini, da oltre venti anni, organizza mostre personali e collettive sia in Italia che all’estero. Il tratto distintivo del suo lavoro è la relazione tra il materiale e l’immateriale con cui ottiene risultati originali sugli effetti cromatici finali delle sue terracotte. 

La mostra ferrarese su Michelangelo Antonioni, è allestita ora alla Cinémathèque française sino al 19 luglio con il titolo Antonioni, aux origines du Pop. Cinéma, photographie, mode. Qui la grande retrospettiva sul regista è accompagnata da una rassegna di suoi film. Punto di partenza, ancora una volta, è l’archivio personale del regista, patrimonio delle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara, Museo Michelangelo Antonioni: fotografie, manoscritti, sceneggiature, lettere, testimonianze di collaboratori e amici, e opere d’arte realizzate da Antonioni stesso che permette di scoprire l’opera del maestro nella molteplicità dei suoi aspetti artistici. Informazioni: www.cinematheque.fr

Prosegue al Museo Western Art di Tokyo la mostra "Guercino e il Barocco". Giovanni Francesco Barbieri detto il Guercino, artista centese barocco, sta diventando sempre più "popolare" e internazionale, oltre che farsi ambasciatore del suo territorio. Dopo le esposizioni italiane, polacche e croate  le opere del pittore centese si trovano ora al museo nipponico dove si prevede un'affluenza di oltre 100.000 visitatori. Complessivamente le opere esposte sono 44 di cui 18 provenienti da Cento di Ferrara. La mostra resterà allestita fino al 31 maggio. 

E’ dedicata al grande gastronomo forlivese Pellegrino Artusi la mostra allestita all’Istituto Italiano di Cultura di Città del Messico: “Pellegrino Artusi – L’Italia in cucina”. Nell’anno dell’Expo di Milano, dedicato all’alimentazione, viene così dato spazio alla tradizione culinaria del Belpaese: l’esposizione messicana ruota, infatti, intorno al libro di cucina che ha dato le basi alla gastronomia italiana moderna. La mostra, che rimarrà esposta permanentemente presso l’istituto Italiano di Cultura di Città del Messico, è stata organizzata dalla Consulta regionale degli Emiliano-romagnoli nel mondo, dall’Assessorato Cultura della Regione e da Casa Artusi assieme all’Istituto Italiano di Cultura di Città del Messico, nell’ambito delle manifestazioni “Anno dell’Italia in America Latina” del ministero Affari esteri e “Emilia-Romagna verso EXPO 2015”.

Tags

Note

A cura di Marina Leonardi

Commenti

commenti gestiti con Disqus