Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Riccardo Muti al Teatro Real di Madrid con I due Figaro

Lo spettacolo dell'Emilia-Romagna nel mondo
Vota

28 marzo 2012

Fino al 1 aprile Riccardo Muti porterà in scena I Due Figaro di Saverio Mercadante al Teatro Real di Madrid (Spagna). I due Figaro, o sia il soggetto di una commedia, nasce a Madrid tra il luglio e l’ottobre 1826 sul libretto che Felice Romani aveva scritto per La Scala dove era andato in scena nel 1820 con le musiche di Michele Carafa e si tratta del sequel, appunto, delle Nozze di Figaro e del Barbiere di Siviglia, concepiti da Beaumarchais dove Cherubino, per gabbare e svelare le macchinazioni di Figaro, ne assume lo stesso nome (da qui il titolo I due Figaro). La produzione de I due Figaro, la cui regia è firmata da Emilio Sagi, con scene di Daniel Bianco e costumi di Jesus Ruiz, vede il Ravenna Festival partner del Salzburger Festspiele e del Teatro Real de Madrid assieme ai quali ha anche realizzato l’edizione critica della partitura originale conservata nella Biblioteca Municipale di Madrid, restituendo alle scene un autentico gioiello musicale caduto nell’oblio. L’opera I Due Figaro è stata rappresentata nel 2011 al Salzburger Festspiele e al Ravenna Festival. Direttore d'Orchestra Maestro Riccardo Muti con l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e il Philharmonia Chor Wien Maestro del Coro Walter Zeh.

Prosegue la tournée francese del nuovo spettacolo di Pippo Delbono Dopo la battaglia una produzione di Emilia Romagna Teatro. Lo spettacolo sarà rappresentato a Tolosa, dal 28 al 31 e a Valence, il 3 aprile.  Si tratta di  uno spettacolo estremamente visionario e suggestivo, e anche spesso divertente nella sua drammaticità, vede l’eccezionale collaborazione del violinista Alexander Balanescu, autore della colonna sonora con Dolly Albertin, Gianluca Ballaré, Bobò, Pippo Delbono, Lucia Della Ferrera, Ilaria Distante, Simone Goggiano, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Marigia Maggipinto, Julia Morawietz, Gianni Parenti, Pepe Robledo, Grazia Spinella.

Note

A cura di Marina Leonardi

Commenti

commenti gestiti con Disqus