Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Documentari sull'amore

Teatri di Vita presenta 6 film "sull'oggi che non si vede"
14 marzo 2009

Documentari d’amore
6 film sull’oggi che non si vede
Teatri di Vita presenta sei documentari sulla vita degli omosessuali oggi

Il titolo della rassegna in programma a Teatri di Vita fino al 28 giugno, un aperto omaggio al Pasolini di Comizi d’amore, sottolinea la natura stessa dei sei lavori proposti: Documentari d’amore perché chi li ha prodotti, pensati e realizzati ha cercato con amore di raccontare una società scomoda, ma non per questo meno viva. La serie di film è stata selezionata da Giacomo Manzoli, preside del corso di laurea DAMS di Bologna (di cui segue intervista), con la collaborazione di Andrea Adriatico (regista di cinema, teatro e “motore” dell’attività di Teatri di Vita) e della libreria Igor.

Una rassegna di documentari dunque che mettono in luce diversi aspetti della vita degli omosessuali di oggi, della storia gay e del divertimento. Si tratta in alcuni casi di film pluripremiati nei festival internazionali ma anche quando possiamo considerarli produzioni “minori” emerge sempre la straordinaria forza espressiva del linguaggio documentaristico, in grado di far passare con leggerezza e immediatezza concetti profondi e articolati.
  • La rassegna ha preso il via in febbraio con 2 volte genitori di Claudio Cipelletti che mostra cosa vuol dire essere padri e madri di persone omosessuali (in collaborazione con l’Agedo).
  • L'essere gay e lesbiche nei paesi arabi e in Medio Oriente è invece il tema dell'originale The Beirut Apt di Daniele Salaris proiettato in marzo.
    Il 2 aprile è la volta di Paragraph 175 di Rob Epstein e Jeffrey Friedman, un documento importante che affronta la deportazione degli omosessuali nei campi di concentramento nazisti.
  • Il 7 maggio tocca a Le famiglie arcobaleno di Lucia Stano e Nadia Dalle Vedove, un documentario che racconta la storia di persone che pur essendo omosessuali non rinunciano alla loro genitorialità.
  • In giugno si indagherà invece sulle posizioni della Chiesa cattolica nei confronti della vita laica e degli orientamenti affettivi e sessuali delle persone: Le regole del Vaticano di Alessandro Avellis e l'inchiesta Guarire si deve: Chiesa e omosessualità
La conclusione della rassegna, il 28 giugno, sarà invece all’insegna del divertimento con le immagini del celebre musical che vede in scena cantanti e ballerini nudi: il divertente e gioioso Naked boys singing di Robert Schrock, apprezzato da parecchie stagioni sui palcoscenici internazionali.

Per conoscere la programmazione di Teatri di Vita, vivace centro culturale bolognese molto attento alla ricerca e alle proposte d’avanguardia, rimandiamo a www.teatridivita.it

Note

Testi e intervista cura di Enzo Chiarullo

Commenti

commenti gestiti con Disqus