Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Ravenna Festival: Omaggio a Mauricio Kagel

A cura di Tempo Reale

7 settembre 2010

Gentili ascoltatori state ascoltando in sottofondo il secondo appuntamento notturno di Ravenna Festival, che è un omaggio ad un grande compositore, Mauricio Kagel, scomparso nel 2008, mentre il primo notturno era stato dedicato a Stockhausen.

Guidati dalla regia del suono di Damiano Meacci, i musicisti Monica Benvenuti, Francesco Canadese, Jonathan Faralli e Francesco Giomi affrontano l’esecuzione di Acustica, un capolavoro della sperimentazione elettronica. Tra l'altro Kagel, in questo caso, ha lasciato ai suoi futuri interpreti specifiche direzioni e schede dettagliatissime, per orientarsi a trovare la propria modalità per far scaturire i suoni e combinarli tra loro.

E inoltre c’è lo spazio per la propria personale esecuzione e ricerca musicale, elemento che costituisce anche l’essenza di Tempo Reale, centro di produzione, ricerca e didattica musicale che ha realizzato questo omaggio a Mauricio Kagel. Gli strumenti di questo lavoro, dal titolo "Acustica", sono oggetti della quotidianità ma certamente inusuali su un palco: e il palco per questo notturno di fatto non c’è, e i musicisti suonano disposti a semicerchio con le sedie alte quanto quelle degli spettatori.
Ma ce lo spiega bene Jonathan Faralli che non è solo esecutore ma si occupa con Francesco Giomi della progettazione e drammaturgia.
Lo ascoltiamo nell’intervista di Marialivia Sciacca.

Intervista a Jonathan Faralli.

Estratto da Acustica.

Note

A cura di Cinzia leoni e Maria Livia Sciacca

Commenti

commenti gestiti con Disqus