Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Alla corte degli Este

A Ferrara un ciclo d’incontri per conoscere meglio una dinastia

Care ascoltatrici e cari ascoltatori, in occasione della pubblicazione del libro "Ferrara ai tempi di Ercole I d’Este” La Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara e il Polo Museale per l'Emilia-Romagna promuovono un ciclo di conferenze. Queste, collegate alla pubblicazione, costituiscono un’occasione privilegiata per approfondire la conoscenza dei luoghi e dei personaggi che fecero della corte degli Este una delle più significative dell’età rinascimentale. 
Il volume passa in rassegna alcuni inediti interventi realizzati tra il 2000 e il 2013 in occasione di lavori di riqualificazione nel centro storico di Ferrara dove si concentravano i palazzi del potere della signoria Estense. Le indagini archeologiche hanno interessato in modo particolare la vasta area di piazza Municipale, dell’edificio ex Bazzi e del Giardino delle Duchesse (su cui insisteva il Palazzo di Corte Vecchia e il Palazzo Ducale con gli annessi giardini), di Corso Martiri della Libertà (dove si trovavano la Loggia Grande e il Castello Estense al cui interno è stato rinvenuto il Giardino Pensile voluto da Eleonora d’Aragona, moglie di Ercole I, di cui si avevano solo sparute notizie),  di via Coperta (di cui sono venute in luce le diverse fasi costruttive oltre al Camerino d’Alabastro di Alfonso I) e infine la parte terminale di Corso Martiri della Libertà che ha consentito di scoprire le strutture relative alla Porta dei Leoni, situata lungo il circuito settentrionale delle mura medievali e strettamente collegata al Castello Estense.

Dopo quello della scorsa settimana, gli incontri, che si svolgono Museo Archeologico Nazionale Via XX Settembre n. 122, proseguono con:

Venerdì 15 marzo 2019, ore 16.30
L'evoluzione e l’aspetto dei Palazzi Estensi 
Conferenza di Chiara Guarnieri

L’incontro illustra i risultati degli scavi che hanno interessato per più di un decennio il centro storico di Ferrara dove si concentravano i palazzi del potere della signoria Estense. Sono venuti in luce i resti del Palazzo di Corte Vecchia, abbattuto nel 1479, nonché le fasi più antiche del Palazzo Ducale, con la scoperta del Cortile delle Lastre e della Loggia Grande.

Venerdì 22 marzo 2019, ore 16.30
Il Giardino delle Duchesse
Conferenza di Chiara Guarnieri e Giovanna Bosi

L'incontro con l'archeologa Chiara Guarnieri e la botanica Giovanna Bosi è incentrato sulle indagini archeologiche realizzate nel Giardino delle Duchesse che hanno permesso di delinearne l’aspetto di quest’area verde nel momento della sua realizzazione (1479). 
Le analisi polliniche e botaniche hanno anche svelato le specie ornamentali e da frutto che ne ornavano gli spazi. 

Venerdì 29 marzo 2019, ore 16.30
Il Giardino Pensile di Eleonora d'Aragona e il Camerino d'Alabastro di Alfonso I: due spazi privati all’interno del Castello 
Conferenza di Chiara Guarnieri
L’incontro con l'archeologa Chiara Guarnieri illustra le due indagini archeologiche che hanno permesso di realizzare due eccezionali scoperte: il Giardino Pensile di Eleonora d’Aragona e le stanze relative ai cosiddetti Camerini d’alabastro dove era conservata la collezione privata di Alfonso I.

Venerdì 5 aprile 2019, ore 16.30
La tavola estense: le stoviglie e il cibo. Risultati delle analisi della vasca di scarico del Palazzo di Corte 
Conferenza di Chiara Guarnieri, Marta Bandini Mazzanti, Martina Demaria, Ivano Ansaloni e Aurora Pederzoli

Lo scavo in piazza Municipale ha portato alla luce una vasca di scarico dei rifiuti del Palazzo di Corte Vecchia contenente stoviglie per la tavola, per la cucina e moltissimi resti di pasto. Grazie allo studio di questi reperti archeologi, botanici e archeozoologi hanno potuto delineare cosa e come si mangiasse alla tavola degli Estensi.

Un viaggio nel tempo tra palazzi, giardini, fruscii di sete e di velluti, tintinnii di cristalli e aromi di cucine. 

Note

A cura di Valeria Cicala