Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Bologna Children’s Book Fair 2017

Dal 3 al 6 aprile appuntamento con la Fiera del libro per ragazzi: intervista con l’illustratrice Daniela Tieni

A Bologna, con la primavera, insieme alle rondini arrivano da tutto il mondo centinaia di donne e uomini legati dalla stessa passione e da una professione particolarissima: il mestiere di fare libri destinati ai giovani, ma così belli da affascinare tutti i lettori. Dal 3 al 6 aprile 2017 torna l’appuntamento con “Bologna Children’s Book Fair”, che chiama a raccolta artisti, editori, autori, traduttori, agenti letterari, librai, bibliotecari e insegnanti.
Tra gli oltre mille espositori, provenienti da un’ottantina di paesi, gli ospiti d’onore di questa cinquantaquattresima edizione sono la Catalogna e le Isole Baleari, che in questo settore vantano una tradizione secolare.
Ai fermenti riservati agli operatori si aggiungono quelli della città, che per l’occasione propone un calendario di mostre, incontri e laboratori aperti a tutti, dal titolo esplosivo: “BOOM! Crescere nei Libri”.

Entrando in fiera, il primo sguardo del visitatore va alla grande mostra degli illustratori, uno spazio che, dal 1967, offre agli artisti under 35 un’opportunità unica per esporre il proprio talento. Quest’anno la giuria specializzata ha valutato quasi quattromila portfolio in arrivo da 26 paesi, selezionando alla fine 75 autori. Tra questi, uno si aggiudicherà il premio messo in palio da Bologna Children’s Book Fair e Fundación SM, un altro sarà incaricato della campagna di comunicazione del prossimo anno.
Abbiamo incontrato Daniela Tieni, una delle illustratrici italiane selezionate. Classe 1982, romana, il suo stile grafico è già noto a chi segue RadioEmiliaRomagna: in occasione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne” abbiamo pubblicato alcune delle immagini di “Affinché possano fiorire”, il racconto che ha realizzato insieme alla scrittrice Sara Trofa.

Intervista a Daniela Tieni

 

Tags

Note

A cura di Vittorio Ferorelli

Commenti

commenti gestiti con Disqus