Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

La Fiera della Contemporaneità

Si apre il primo febbraio Arte Fiera 2019

Care ascoltatrici e cari ascoltatori, le rigide giornate dell‘inverno stanno per vivere una serie di giornate che sapranno tenere viva la curiosità intellettuale, ma anche la forma fisica di chi vorrà non perdersi la molteplicità degli eventi che la nuova edizione di Arte Fiera proporrà a Bologna dall’1 al 4 febbraio 2019.

La città vi aspetta e non c’è istituzione luogo della cultura che non partecipi con una proposta stimolante a questa manifestazione che, vale la pena ricordarlo, è stata la prima fiera d’arte ad aprire in Italia, ed è anche la prima per quanto attiene al calendario artistico delle fiere.

Corre sulla via Emilia, sul nodo ferroviario più strategico della penisola, il fascio di eventi che mette a sistema i padiglioni della Fiera con centro storico della città e le luci della notte biancadi ART CITY White Night: sabato 2 febbraio questa prevede l’apertura straordinaria fino alle ore 24 di numerose sedi del circuito ART CITY Bologna, oltre che in gallerie, spazi espositivi indipendenti, palazzi storici e negozi. Uno straordinario insieme che proietta pubblico e operatori in un intreccio di situazioni che valorizza l’arte italiana.

Arte Fiera si presenta con una nuova direzione artistica, quella di Simone Menegoi che ha scelto come parola chiave della sua proposta “selezione” e questa richiede ai galleristi di operare scelte che privilegino qualità, numeri più ristretti di autori e percorsi che abbiano un’identità e un’ideazione che alimentino un collezionismo di alti contenuti. Due le sezioni in cui è articolata la fiera: Main Section e Fotografia e Immagini in movimento.

Certamente è indispensabile andare sul sito di Arte Fiera e costruire il proprio itineraro, www.artefiera.it ma anche uscire da un percorso che si può avere in mente e lasciarsi trascinare dalla curiosità da un colpo d’occhio che fa tornare sui propri passi. Segnaliamo, proprio perché focalizzata sull’Emilia-Romagna Solo figura e sfondo, la mostra curata di Davide Ferri, propone un importante percorso attraverso le figure più significative del panorama storico e culturale emiliano. Luoghi e figure si compenetrano, un dialogo tra orizzonti e persone, un rimando tra vita e opere. Ci sono personaggi quali Pier Vittorio Tondelli, Gianni Celati e Luigi Ghirri, “una sorta di mitologia della via Emilia come metropoli diffusa”. Figure e sfondi quindi, colti attraverso le opere provenienti dalle maggiori collezioni istituzionali d’arte moderna e contemporanea dell’Emilia-Romagna, pubbliche e private, a celebrare il patrimonio artistico di questa terra.

Altro momento portante della fiera sarà un programma di Talk affidato a Flash Art con cui Arte Fiera ha una collaborazione radicata e focalizzata sull’arte italiana. Con il titolo Dialoghi sull’arte italiana, il ciclo di incontri si configura come un itinerario che intende attraversare pratiche artistiche, metodologie curatoriali, tendenze emergenti che si stanno sviluppando in Italia.

Strutturati in tre giornate, gli incontri assumono il formato di tavole rotonde e “flash talk”: le prime sono dialoghi dal taglio trasversale volti a scandagliare una determinata tematica attraverso più punti di vista; i secondi consistono invece in conversazioni di circa 30 minuti tra un artista e un curatore. Tutti i talk si svolgono nello spazio dedicato, all'interno del Padiglione 26. E per non dimenticare i più giovani, segnaliamo Micro // Macro, laboratori per ragazzi, un’occasione di esplorare arte e scienza.

Ma come vi dicevamo in apertura, tutta la città è coinvolta in Arte Fiera e qui si colloca ART CITY Bologna, il programma istituzionale nato dalla collaborazione tra Comune di Bologna e BolognaFiere per affiancare con mostre, eventi e iniziative speciali.
Coordinato dall’Area Arte Moderna e Contemporanea dell’Istituzione Bologna Musei, per il secondo anno consecutivo ART CITY Bologna si svolge sotto la guida di Lorenzo Balbi, direttore artistico di MAMbo - Museo d’Arte Moderna di Bologna, con l’obiettivo di articolare una programmazione culturale di alto profilo in affiancamento alla manifestazione fieristica.

La principale novità di questa edizione è la durata più ampia. Il nucleo dei tre giorni del weekend si è dilata infatti in una vera e propria art week che, iniziata il 25 gennaio, una serie di inaugurazioni ha preceduto e accompagna l’apertura di Arte Fiera il 1 febbraio: non un semplice cartellone di eventi collaterali ma un vero e proprio festival del contemporaneo che coinvolge e connette in rete le migliori energie in uno dei momenti più vivaci per la città.

Buone giornate a tutti, un saluto da Valeria Cicala

Consulta www.artefiera.it
 

Tags

Note

A cura di Valeria Cicala

Commenti

commenti gestiti con Disqus