Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

FuturoalPresente, una festa di idee

La Società editrice Il Mulino compie 60 anni

Per capire il significato a la pregnanza che la Società editrice il Mulino ha nella vita culturale del nostro Paese, da sessantenni a questa parte, prima ancora di scorrere il programma delle due giornate in cui si festeggerà questo importante compleanno, è sufficiente alzare lo sguardo camminando sotto le logge del Pavaglione ed incrociare i ritratti fotografici di ventotto grandi intellettuali, autori della prestigiosa editrice.

Quei volti ricordano sobri, ma collocati nel cuore della città, dove ebbe la sua prima sede l’università, dove la cifra di musei, biblioteche e librerie raccontano la Bologna che più amiamo, che qui è nata e cresciuta una delle più singolari e fertili esperienze, frutto della determinazione di un ristretto gruppo di giovani intellettuali. Questi guardavano al mondo anglosassone, alla novità che nell’ambito della ricerca portavano le scienze sociali, i nuovi approcci alle discipline più tradizionali, i confronti attraverso riviste e autori assai diversi per formazione.

Uno sguardo spesso anticipatore quello della Società editrice Il Mulino, come quello dei personaggi che incrociamo in questa originale mostra en plein air dal titolo “Sulle spalle dei giganti” citazione classica, davvero indovinata, che sintetizza questi sessantanni di scommesse vinte, di coerenza non priva di forte carica innovativa. Da Strada Maggiore Il Mulino ha incrociato la ricerca, il dialogo profondo con i forti mutamenti della nostra società.
Ma prendete nota e tenetevi un bel po’ di tempo libero per  il 17 e 18 ottobre quando diversi luoghi della città saranno animati da una quarantottore di incontri, dibattiti, workshop. Una festa per sottolineare sessantanni di lavoro ragionando sul futuro.
Ben 24 eventi che coinvolgeranno 84 protagonisti della scena politica, economica e culturale italiana, animando diversi luoghi della città. 
Autori, lettori e amici daranno vita al primo evento formato “festival” organizzato dall’editrice e che culminerà nella Lettura finale del Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, nell’Aula Magna dell’università sabato 18 ottobre. 

Quattro grandi appuntamenti – un workshop dedicato al mondo universitario, un convegno sulla scuola con studiosi e insegnanti, incontri con gli studenti delle scuole superiori per diffondere il piacere della lettura, infine la Lectio magistralis di Visco – quattro cicli di eventi dedicati a temi di grande attualità – la crisi della democrazia rappresentativa, il futuro incerto dell’Europa, i populismi e l’interrogativo su chi oggi governa il mondo – dibattiti incentrati su imprese, famiglie, spreco, ma anche le frontiere più avanzate della scienza, che porteranno a Bologna, tra gli altri, Massimo Cacciari e Giulio Giorello, Silvia Avallone e Federico Taddia, Ilvo Diamanti e Michele Salvati, Claudio Giunta e Arturo Parisi, Sabino Cassese e Romano Prodi, Carlo Galli e Marco Tarchi, Alberto Melloni e Chiara Saraceno, Antonio Massarutto e Andrea Segrè, Ernesto Galli della Loggia e Lorenzo Bini Smaghi, Fabrizio Saccomanni e Giulio Napolitano. E giornalisti come Massimo Giannini, Dario Di Vico, Lucio Caracciolo, Roberto Mania, Alessandro Merli, Giovanni Morandi, Armando Nanni, Michele Smargiassi, Armando Torno, Massimiliano Panarari.

Per saperne di più: www.mulino.it/a/sessantesimo#

Tags

Note

A cura di Valeria Cicala

Commenti

commenti gestiti con Disqus