Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Quinta edizione di Enologica a Bologna

Il Salone del vino e del prodotto tipico dell’Emilia-Romagna è a Palazzo Re Enzo, dal 18 al 20 novembre

Siete pronti ad alzare i calici, ad addentare panini d'autore, a farvi raccontare storie fantastiche?
Bene! Perché dal 18 al 20 novembre, avrete l'opportunità di cogliere in un sol colpo le tradizioni, la cultura e la varietà enogastronomica di una regione unica come l'Emilia-Romagna.

Storicamente ospitata a Faenza, dapprima come classica fiera e dal 2007 come evento enogastronomico a tutto tondo, negli ultimi cinque anni Enologica, il Salone del vino e del prodotto tipico dell'Emilia-Romagna, è di casa a Palazzo Re Enzo, nel cuore del centro storico di Bologna, una capitale del gusto e preferenziale porta d'accesso alla straordinaria biodiversità che caratterizza questa regione.

118 protagonisti tra produttori, Consorzi e cantine; un fitto calendario di seminari e degustazioni tematiche per raccontare il vino dell'Emilia-Romagna, dai principali vitigni ad alcuni autoctoni tutti da scoprire, lungo la strada che da Piacenza porta a Rimini, con una piccola deviazione nei terreni sabbiosi del ferrarese.
L'Emilia-Romagna è famosa per essere terra di vini popolari, di terreni generosi che l'hanno sempre posizionata tra le regioni più produttive d'Italia. Se in passato questa produzione andava a favorire il commercio di uve e vino sfuso di qualità ordinaria, se non mediocre, e a basso costo, negli ultimi 15 anni si è registrata una decisiva inversione di tendenza e questo è stato possibile grazie a quei produttori che ci hanno scommesso e creduto, grazie al lavoro dei consorzi, grazie alla tutela e alla valorizzazione di vitigni autoctoni che rischiavano di finire per sempre nel dimenticatoio, grazie all'impiego delle più moderne tecniche da applicare in vigna e in cantina. E così oggi certe produzioni di Albana, Sangiovese, Pignoletto, Lambrusco, Malvasia e Gutturnio non temono il confronto con le bollicine importanti, i bianchi strutturati e i rossi corposi di altre famose regioni di Italia, e, a fianco di questi principali vitigni, troviamo altri autoctoni come il famoso, il centesimo, la spergola, l'ortrugo, la malvasia rosa che rendono questa regione, dal punto di vista vitivinicolo, inesplorata e unica.

Compito di Enoteca Regionale è quello di promuovere e valorizzare questa ricchezza, attraverso iniziative come questa in regione, in europa e nel mondo. E se nel 2016 l'esportazione di vino italiano all'estero ha posizionato l'Emilia-Romagna al quinto posto, con un aumento delle vendite al mercato estero del 5%, e con il superamento della vendita della quota del vino in bottiglia a discapito del vino sfuso, vuol dire che gli standard qualitativi del vino emiliano romagnolo sono sempre più elevati ed apprezzati e che Enoteca regionale ha il merito di averli comunicati bene, chiudendo un 2017 che promette di restituire dati ancora più entusiasmanti.

Ma Enologica non è solo vino e buon bere, è la narrazione di un intero territorio che all'interno del Salone viene svolta attraverso un ricco programma di eventi.

Tra gli appuntamenti di un format che è cresciuto e si è consolidato nel tempo, c'è il "Teatro dei Cuochi". I migliori chef della regione saranno pronti a mettere in scena il futuro dei piatti icona della cucina emiliano-romagnola. Nell'anno dell'uscita del sequel di Blade Runner che agli inizi degli anni '80, aveva rivoluzionato i codici del genere fantascientifico e l'immaginario futuristico di una generazione, è stato chiesto ai cuochi ospiti come saranno i piatti simbolo della tradizione nel 2049. Attraverseranno gli anni fedeli a se stessi oppure cambieranno faccia?
E così, per fare qualche nome, Federico D'Amato da Reggio Emilia si confronterà con la trippa, Terry Giacomello con la torta fritta di Parma, il giapponese Takahiko Kondo dell'Osteria Francescana con il tortellino.

Enologica ideata e organizzata da Enoteca Regionale è sostenuta da una solida rete di partner che ha reso la manifestazione sempre più frequentata da appassionati, turisti, giornalisti e buyers: la Regione Emilia-Romagna, il Comune di Bologna; Unioncamere; Bologna Welcome.

Con Ambrogio Manzi, direttore di enoteca regionale, entriamo nel vivo della manifestazione e scopriamo l'originale concorso Carta canta, inaugurato con successo l'anno scorso proprio in occasione di Enologica.

Intervento di Ambrogio Manzi

Infine la parola a Giorgio Melandri, che dal 2007 è curatore della manifestazione e che ogni anno trova il modo di raccontarci storie che, attingendo alla tradizione culturale popolare, perfettamente si abbinano ai vini in degustazione offerti dai produttori presenti a Palazzo.

Intervento di Giorgio Melandri

Dal 18 al 20 novembre Palazzo Re Enzo apre le sue porte per accogliervi e per offrirvi il meglio dell'enogastronomi-romagnola.

Per informazioni consulta il sito www.enologica.org

Telefono 0542 367700 - cellulare 347 5125365 (durante la manifestazione)

Orario di apertura: sabato e domenica 11:00 – 20:00, lunedì 11:00 – 19:00. Ingresso 20 €.

In questa puntata avete ascoltato: Bandabardò - 20 bottiglie di vino; Il Ballo di San Vito - Vinicio Capossela

Tags

Note

A cura di Laura Di Salvo

Commenti

commenti gestiti con Disqus