Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Il capitale umano

Innovazione, ingegno e creatività nella nostra regione attraverso le voci dei protagonisti

Le competenze delle persone per occupazione e competitività. Intervista all’assessore Patrizio Bianchi 

Cari ascoltatori, come vi avevo anticipato questo numero di Made in Emilia-Romagna è dedicato al rapporto tra formazione e impresa nella nostra regione.

Siamo in una fase importante, di apertura della nuova programmazione del Fondo sociale europeo, il fondo strutturale con cui l’Europa e le Regioni investono sulle competenze delle persone per  sostenere l’occupazione e la competitività  e coesione dei territori.

L’Assemblea legislativa regionale ha approvato il Programma operativo Fse 2014-2020, il documento con cui la Regione Emilia-Romagna delinea per i prossimi sette anni la propria strategia di programmazione delle risorse del Fondo sociale europeo.

Le risorse su cui potrà contare il programma nei prossimi sette anni raggiungeranno i 786 milioni di euro, la metà dei quali -393 milioni- costituiti da fondi europei, cui si aggiungeranno 275,2 milioni di risorse nazionali e 117,9 milioni di euro di risorse regionali.

Con l’approvazione da parte dell’Assemblea del Programma Operativo, ha avuto inizio il  negoziato con la Commissione europea che dovrà  approvare il documento entro sei mesi dall’invio formale da parte della Regione.

Oltre a ciò, il 1° maggio è partito Garanzia giovani, il programma dell’Unione europea che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano (Neet – Not in Employment, Education or Training) opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato del lavoro. In Emilia-Romagna, prima tra le regioni ad avviare il programma,  sono già 7.841 i giovani che hanno aderito, 1.118 quelli che hanno già avuto il primo colloquio con i centri per l’impiego. Garanzia giovani offre importanti opportunità alle imprese, per facilitare l’ingresso nel mercato del lavoro dei giovani attraverso tirocini, che prevedono il finanziamento con risorse pubbliche del 70% dell’indennità di frequenza, incentivi per l’attivazione di contratti di apprendistato per la qualifica e per il diploma e per l’alta formazione e la ricerca e bonus occupazionali. Nell’incontro pubblico che si è tenuto a Bologna l’8 luglio, primo tra i molti programmati in regione per illustrare a giovani e imprese il Programma, abbiamo incontrato l’assessore alla formazione Patrizio Bianchi che sentiamo nell’intervista che segue

Intervista a Patrizio Bianchi, Assessore Scuola, formazione professionale, università e ricerca, lavoro della Regione Emilia-Romagna

Ricordiamo in chiusura che chiunque, giovane, genitore  o impresa, voglia maggiori informazioni sulle opportunità offerte da Garanzia Giovani, può accedere al sito Lavoro per te della Regione-Emilia Romagna e chiedere specifiche informazioni sulle diverse possibilità messe in campo.Da Piera Raimondi un caro saluto e appuntamento ad agosto con Made in Emilia Romagna dedicato al turismo. 

https://lavoroperte.regione.emilia-romagna.it

Tags

Note

A cura di Piera Raimondi Cominesi

Commenti

commenti gestiti con Disqus