Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Arte Povera 1968

Al Mambo di Bologna si inaugura una mostra sull’importante movimento artistico e i suoi protagonisti

22 settembre 2011

Cari ascoltatori, con questa nuova trasmissione dedicata alle mostre in regione, andiamo al Mambo di Bologna dove dopodomani sarà inaugurata Arte Povera 1968. La mostra fa parte del più ampio progetto "Arte povera 2011", curato da Germano Celant, che ha come fulcro il movimento nato nel 1967 con gli artisti Giovanni Anselmo, Alighiero Boetti, Pier Paolo Calzolari, Luciano Fabro, Jannis Kounellis, Mario Merz, Marisa Merz, Giulio Paolini, Pino Pascali, Giuseppe Penone, Michelangelo Pistoletto, Emilio Prini, Gilberto Zorio.

Lo scopo è di presentare su scala nazionale e internazionale gli sviluppi storici e contemporanei di questa ricerca, distribuendo le varie fasi e i singoli momenti linguistici in differenti spazi, coinvolgendo diverse importanti istituzioni museali e culturali italiane: MAXXI - Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo di Roma, il Castello di Rivoli - Museo d’Arte Contemporanea di Rivoli (Torino), MADRE - Museo d'Arte Contemporanea Donnaregina di Napoli, MAMbo - Museo d’Arte Moderna di Bologna, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma e la Triennale di Milano.

Insieme ai singoli responsabili dei musei coinvolti nel progetto, il curatore Germano Celant ha concepito una mostra che mette insieme un alto numero di opere storiche e recenti, fuzionando come un viaggio nel tempo dal 1967 a oggi, in diverse situazioni architettoniche e ambientali, attraverso gli avvenimenti e i protagonisti dell’Arte povera.

L’esposizione del MAMbo, a cura di Germano Celant e Gianfranco Maraniello, prende spunto dalla mostra storica tenutasi alla Galleria De’ Foscherari di Bologna nel 1968 e dal relativo catalogo con il dibattito critico che ne seguì. Oltre ad alcune delle opere esposte in quell’occasione e ad altre che testimoniano del tipo di attività svolta dai diversi protagonisti intorno al periodo preso in considerazione, viene presentata una selezione di materiali - cataloghi, libri d'artista, manifesti, inviti e documenti realizzati a partire dalla fine degli anni sessanta - concernente il movimento e i suoi contributi linguistici.

Potete trovare maggiori informazioni sul sito del Mambo, Museo d’arte moderna di Bologna http://www.mambo-bologna.org/

Periodo di svolgimento: dal 24/09/2011 al 26/12/2011

Dove: Mambo Via Don Minzoni, 14

Bologna (BO)

Orario: martedì, mercoledì e venerdì dalle 12.00 alle 18.00; giovedì dalle 12.00 alle 22.00; sabato, domenica e festivi dalle 12.00 alle 20.00.

Giorni di chiusura: lunedì

Ingresso: a pagamento
Tariffa intera: € 6.00
Tariffa ridotta: € 4.00 - maggiori dettagli sul sito web del MAMbo

Tags

Note

A cura di Marina Leonardi

Commenti

commenti gestiti con Disqus