Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Grizzana ricorda Morandi

Rivive la Casa-Studio dell'artista con le opere di Galliani e le immagini di Leonotti

Sono trascorsi cinquant'anni da quando Giorgio Morandi morì, esattamente il 18 giugno 1964, nel suo appartamento di Via Fondazza. E vent'anni da quando la sorella di Morandi, Maria Teresa, donò al Comune di Grizzana la casa che insieme al fratello e all'altra sorella Dina avevano fortemente voluto in quella parte dell'Appennino che il pittore considerava il paesaggio più bello del mondo. Grizzana fu per Morandi ciò che fu Arles per Van Gogh, e l’Estaque per Cézanne. Qui disegnò personalmente il suo primo e unico studio separato dalla camera da letto (in Via Fondazza coincidevano) e dal panorama delle sue tre finestre, che danno sui celebri fienili del Campiaro, presero spunto tanti tra i suoi paesaggi dipinti.

La casa, abitata fino alla morte dalla sorella Maria Teresa, è ancora oggi conservata integra, anche nei particolari minimi. Qui tutto, come scrive il critico Renato Barilli "respira  modestia, lindore, serenità d'animo, attaccamento alle buone tradizioni, magari anche, per dirla con Gozzano, alle buone cose di cattivo gusto". E  proprio la Casa-Studio dell'artista è il centro propulsore di un progetto avviato nel 2011 e curato da Eleonora Frattarolo che ha visto l'arte dei nostri giorni dialogare con la poetica morandiana. Quest'anno per la prima volta la Casa-Studio ospita nelle proprie stanze le opere di un artista contemporaneo, Omar Galliani. Galliani, artista di fama internazionale con esposizioni nei più importanti musei del mondo, incontra Morandi realizzando grandi tavole, e lo fa esaltando tutta la sua grande sapienza disegnativa. Ecco allora il visionario, struggente, paesaggio, oscuro e luminescente, dall’emblematico titolo Sui tuoi passi; una creazione tra le altre, eseguite appositamente per queste stanze e per questa mostra, che continua nei Fienili del Campiaro con una spettacolare tavola, al piano terra, e 16 opere al piano superiore.

E sempre ai Fienili del Campiaro ritroviamo la Casa-Studio negli scatti di Luciano Leonotti che, per la prima volta, l'ha fotografata nella sua interezza. Tra il 1985 e il 1987 Luciano Leonotti fotografò due volte l’ultima delle sorelle Morandi, Maria Teresa, prima a Grizzana, poi a Bologna, nell'appartamento di Strada Maggiore. A quasi trent'anni di distanza Leonotti è tornato a Casa Morandi per dar vita a un libro fotografico che ora è anche mostra: le sue foto descrivono e interpretano le stanze rigorose e sobrie, gli oggetti e i mobili quotidiani, l’armonia, la luce che rivela i pigmenti conservati e rappresi nelle piccole scatole di fiammiferi, i colori da macinare avvolti nella carta di giornale, i cassetti dai piccoli segreti…un mondo ben organizzato e misurato in un'interpretazione fotografica assolutamente "morandiana".
Le mostre del progetto "Grizzana ricorda Morandi" sono aperte fino al 30 ottobre 2014. Un’occasione per scoprire anche Fienilelab, il laboratorio d’arte che ospita una mostra di studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna (Francesca Bertazzoni, Jessica Ferro, Nicola Montalbini), alle prese con morfologia e morfogenesi da Historia Naturalis.
Un saluto da Grizzana Morandi da Carlo Tovoli!

Grizzana ricorda Morandi
Grizzana Morandi (Bo)
Casa-Studio Giorgio Morandi, Fienili del Campiaro 
Orari di apertura al pubblico
Giovedì e venerdì ore 15-19;
Sabato e domenica ore 11-13 |ore 15-19

Note

A cura di Carlo Tovoli