Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

(Di)segni sulla pelle

A Bologna la storia del tatuaggio in Italia

Cari ascoltatori, oggi li vediamo ovunque e anche i più scettici hanno imparato in qualche modo ad apprezzarli. Si tratta dei tatuaggi, una moda esplosa in Italia negli ultimi decenni che ha una storia antichissima e poco conosciuta. La possiamo scoprire al Museo Medievale di Bologna dove una mostra, aperta fino al 30 aprile, ci racconta per la prima volta di una tradizione che anche in Italia ha origini antichissime. E parte dalla straordinaria scoperta di un corpo mummificato di ben 5000 anni fa su un ghiacciaio vicino a Bolzano, il 23 settembre 1991. Sulla sua pelle in buono stato di conservazione si possono distinguere chiaramente ben 61 tatuaggi.

Ne parliamo con la curatrice della mostra Luisa Gnecchi Ruscone

Intervista a Luisa Gnecchi Ruscone

E allora non vi resta che recarvi al Museo Medievale – che, peraltro, merita da solo la visita – e ammirare la riproduzione delle tavole provenienti dal Museo di Antropologia Criminale Cesare Lombroso di Torino, in genere non visibili, e poi immagini e disegni inediti e due grandi teche che contengono gli attrezzi, anche i più artigianali, usati per “marchiare” il corpo tra Otto e Novecento. Ce ne sono di curiosissimi. Vedere per credere!

Un saluto da Bologna da Carlo Tovoli

Info: www.museibologna.it/arteantica

Tags

Note

A cura di Carlo Tovoli

Commenti

commenti gestiti con Disqus