Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

10 years old: la fotografia racconta il mondo

A Modena la Fondazione Fotografia espone una selezione di opere dalla sua vasta collezione fotografica

Cari ascoltatori, a Modena c'è un patrimonio di oltre 1200 fotografie e video che si è formato in dieci anni di attività della collezione Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, dal 2007 ad oggi. Qui troviamo praticamente tutti i grandi i nomi della fotografia, partendo,  in rigoroso ordine alfabetico, da Ansel Adams fino ad Edward Weston. E in mezzo Nobuyoshi Araki, Diane Arbus, Richard Avedon, Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Franco Fontana, Robert Frank, Luigi Ghirri, Axel Hutte, Mimmo Jodice, Ai Weiwei, Minor White, solo per citarne alcuni.

Uno sguardo a 360° sul mondo è quello che ci offre questa collezione nata seguendo un criterio inusuale, "scegliendo di procedere per aree geografiche – ci ricorda Filippo Maggia, direttore della Fondazione -  facendo inizialmente acquisizioni di artisti dell'Estremo Oriente, per poi proseguire con autori dell'Europa dell'Est, Africa e Medio Oriente, sud America, India, Stati Uniti ed Europa nord-occidentale".  Non solo autori già affermati, ma anche emergenti e, parallelamente alla collezione internazionale si è costituita una raccolta di autori italiani, attivi dagli anni Settanta ad oggi.

Da questo patrimonio sono tratte le 250 opere, tra video e foto, che compongono la mostra "10 years old", in corso al Foro Boario fino al 30 aprile. Coinvolti 95 artisti contemporanei provenienti da oltre 70 paesi in tutto il mondo. In queste immagini si intrecciano storia, natura e attualità. I generi sono i più differenti: dal ritratto, al paesaggio, al reportage, fino all'installazione, al video. Possiamo rintracciare alcuni temi ricorrenti: lo scenario politico, ad esempio, irrompe nei lavori di numerosi artisti dell'Europa dell'Est, del Medio Oriente e del Sudafrica. Dai paesi dove i diritti umani sono messi in discussione o prevaricati arrivano immagini di rivendicazione della libertà di espressione, della propria identità personale, culturale, religiosa o di genere. Scatti capaci di cogliere in un istante la storia, quella con la s minuscola, che ci aiuta a capire un'epoca meglio di tante parole scritte. La natura in tutta la sua forza e potenza la ritroviamo negli scatti di Ansel Adams, mentre in Europa ci si concentra di più sull'estetica della fotografia e sulle potenzialità del linguaggio fotografico. E si arriva fino all'oggi con le opere di cinque artisti under 40, selezionati dalla Fondazione attraverso un bando per un progetto dal titolo "Essere politico", e sono Leonardo Cannistrà, Irene Fernara, Gianni Ferrero Merlino, Guido Nosari e Marco Tagliafico. Qui si indaga il rapporto tra giovani generazioni e potere. Dai politici trasformati in omini Lego alla proiezione di rondini su una parete con addossate delle gabbie: rondini libere o prigioniere? La risposta allo spettatore!

Tutte le informazioni le trovate sul sito www.fondazionefotografia.org
Un saluto da Carlo Tovoli

 

Tags

Note

A cura di Carlo Tovoli

Commenti

commenti gestiti con Disqus