Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Diamo peso alla pubblicità

L’IBC restaura un manifesto per il Museo della Bilancia

Avete avuto già modo di visitare il Museo della Bilancia di Campo Galliano, in provincia di Modena? Bene se non ne avete ancora avuto l’opportunità, vi proponiamo un motivo in più per conoscere questa realtà assai accogliente e efficacemente allestita in cui la bellezza degli oggetti proposti si coniuga con un aspetto importante della storia economica e di quella del territorio.
Se poi siete appassionati, magari collezionisti, di affiche e avete una predilezione per quelli realizzati tra gli anni venti e trenta del secolo scorso, mettete in agenda un salto al Museo della Bilancia, domenica 30 novembre alle 17.30, oppure nei giorni successivi.

La bilancia è un importante strumento di lavoro, simbolo di scambi e di commerci, metafora di temi importanti quali giustizia, onestà, equilibrio.
Ma, torniamo all’appuntamento di domenica 30 novembre a Campogalliano. Lì verrà per presentato il restauro di un manifesto pubblicitario della Bilance Berkel realizzato dal grafico francese Achille Lucien Mauzan nel 1925, che fu donato al museo nel 2002 dalla figlia dell’artista. Il grafico era nato a Gap, Hautes Alpes nel 1883 e nella stessa località morì nel 1952.

Il manifesto di notevoli dimensioni (cm 338x280) fu stampato a Milano nel 1925 dalla casa editrice Mauzan/Morzanti per il noto marchio di bilance olandese Van Berkel con sede a Milano. Raffigura un giudice seduto al banco di vendita che, con una mano appoggiata su un codice di legge e con l’indice dell’altra puntato verso il pubblico, ricorda a tutti con piglio che “Il peso” della merce venduta come la giustizia “è uguale per tutti”. Davanti a lui troneggia lo strumento di misura che garantisce equità e uguaglianza una bilancia semiautomatica Berkel rossa a due piatti marcata “Prodotto italiano”.
Il messaggio pubblicitario che lancia l’autore del manifesto consiste nella affidabilità e garanzia del marchio, attraverso una grafica caricaturale di gusto déco.

Il manifesto, che era arrivato al museo in cattivo stato di conservazione e mai esposto prima d’ora, è stato restaurato con un intervento finanziato e coordinato dall’Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna e condotto dalla ditta Cepac di Forlì. Per conoscere i dettagli dell’intervento è possibile consultare la Banca Restauri dell’IBC.

Dal 30 novembre l’affiche è visibile in una sala del museo, esposto su supporto metallico alveolare con rivestimento in cristallo sottile trattato per la protezione totale della carta dai raggi ultravioletti della luce solare. L’allestimento è stato realizzato dalla ditta Arca di Modena su progetto dell’architetto Fausto Ferri.

L’evento sarà anche l’occasione in cui verrà presentata una donazione privata di strumenti di misura. Il recupero del manifesto e l’acquisizione di altri manufatti mette insieme la creatività di artigiani e di artisti; e trova nel museo della bilancia uno spaccato che coniuga il rigore severo di questi oggetti con la vitalità di messaggi e colori. Buona visita e... non perdete la misura delle cose!
Un saluto da Valeria Cicala

Per saperne di più: www.ibc.regione.emilia-romagna.it

Tags

Note

A cura di Valeria Cicala

Commenti

commenti gestiti con Disqus