Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Parchi e giardini pubblici in Francia tra XIX e XXI secolo

Prosegue la rassegna “Patrimoni, paesaggi, idee _ IBC incontra”

Care ascoltatrici e cari ascoltatori, nuovo appuntamento alla biblioteca “Guglielmi” dell’Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, a Bologna, in via Marsala 31, il 23 maggio, per ascoltare la conferenza di Chiara Santini, docente all’École nationale supérieure de paysage di Versailles, nell’ambito del ciclo di incontri ideato e organizzato dall’IBC. 

Dunque, Giovedì 23 maggio 2019, alle 17:30, la rassegna “Patrimoni, paesaggi, idee _ IBC incontra”, ci offre un tema rilevante per conoscere il rapporto tra la città e la spazio verde, affrontando un periodo e un contesto di forte rilevanza.
Chiara Santini, docente di storia dei giardini all’École nationale supérieure de paysage di Versailles, terrà una conferenza intitolata “Progettare la natura in città: parchi e giardini pubblici in Francia tra XIX e XXI secolo”. Ad introdurre la relatrice, che nei suoi saggi ha a lungo indagato i saperi e le tecniche che sono alla base della formazione dei paesaggisti di ieri e di oggi, sarà l’architetto Laura Moro, direttrice dell’IBC.
Il tema che propone Chiara Santini, storica dei giardini e del paesaggio formatasi nelle università di Bologna, Firenze, Parigi e Versailles, si colloca in un ambito, quello del paesaggio appunto, a cui l’IBC dedica la sua attenzione. 

Tra diciannovesimo e ventunesimo secolo il rapporto con il “verde” all’interno dello spazio urbano acquisisce valenze sempre più sociali. Muta l’intreccio tra arte e natura,
che era concepito come luogo di delizie, contesto significativo per lacerti di antichità, per ruderi di grande bellezza che raccontano la storia precedente.
Se già tra Sei e Settecento lo spazio dei giardini si inserisce nel contesto urbano come luogo di aggregazione, è nell’Ottocento che il parco pubblico diviene luogo in cui l’elemento naturale e le costruzioni assumono una funzione sociale; le esigenze del “verde” si compenetrano sempre di più con la spazialità urbana. E da qui in poi le trasformazioni saranno sempre più connesse al mutare delle esigenze e dello stesso concetto di ambiente e di rapporto con la natura.

Il percorso che la relatrice propone sarà in approccio ad un paese con il quale dialogo e confronto culturale sono sempre vivi e stimolanti. Vi aspettiamo!
Per saperne di più: www.ibc.regione.emilia-romagna.it
Un saluto da Valeria Cicala

Tags

Note

A cura di Valeria Cicala