Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

E` di scena la grafica

L’insigne ornamento. La Raccolta di stampe di Massimiliano Ortalli nella Biblioteca Palatina di Parma

E’ stato presentato ieri a Parma, alla Biblioteca Palatina, un libro prezioso che raccoglie lo straordinario corpus di opere grafiche di Massimiliano Ortalli. La collezione entrò in biblioteca nel 1828, per volere di Maria Luigia .
L’insigne ornamento. La Raccolta di stampe di Massimiliano Ortalli nella Biblioteca Palatina di Parma, di Roberta Cristofori e Grazia Maria De Rubeis, è il nono volume della Collana Mirabilia Palatina (Parma, MUP Editore, 2014).

Insigne corpus di opere grafiche, la Raccolta Ortalli, composta di oltre quarantacinquemila esemplari, rappresenta un unicum nel patrimonio nazionale. Il suo ingresso in Biblioteca fu l’occasione per istituire, entro una pubblica istituzione, un Gabinetto di Stampe pregevole per importanza e consistenza: le successive acquisizioni, donazioni e cambi saranno intese quale incremento della Raccolta ortalliana, atte a colmare lacune o a dotare il Gabinetto di esemplari di migliore qualità.

La collaborazione al volume, promosso dalla Biblioteca di Parma, rappresenta, in ordine di tempo, l’ultimo contributo dell'’IBC a favore della catalogazione e valorizzazione dei Fondi grafici della Palatina.

La Raccolta, insieme al Fondo Balestra (o Parmense) furono da subito elemento centrale di quel “Censimento delle opere grafiche” che la Soprintendenza per i beni librari e documentari dell’IBC avviò dal 1986. Durante quasi trent’anni il costante impegno economico della Regione Emilia-Romagna ha reso possibile una quotidiana, fattiva, collaborazione scientifica tra la Soprintendenza per i beni librari e documentari dell’IBC e la Biblioteca Palatina: in quest’arco temporale il censimento si è trasformato nel catalogo IMAGO - Catalogo di opere grafiche e cartografiche consultabile su web -, è stato catalogato il Fondo Parmense (3500 incisioni), la Raccolta Ortalli (308 portafogli di stampe) e un numero significativo di singole prove.

Scrive nel volume Sabina Magrini “La scelta di dedicare allo “insigne ornamento” il IX volume della collana Mirabilia Palatina vuole naturalmente rendere percepibile ad un più ampio pubblico la bellezza della Raccolta Ortalli e rendere evidente al contempo l’impegno intellettuale che l’ha resa unica.
Un bel regalo alla comunità scientifica questo volume! Con i migliori auguri da Valeria Cicala.

Per saperne di più www.ibc.regione.emilia-romagna.it

Note

A cura di

Commenti

commenti gestiti con Disqus