Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Tagliatella Nocinopoli

Dalla nostra ascoltatrice Rina “la sfoglina” una nuova e ghiotta ricetta

Cari ascoltatori eccovi ancora insieme a Marina Leonardi per una nuova trasmissione dedicata alle ricette della nostra gastronomia. Oggi cominciamo parlando di voi che siete all’ascolto, perché sarà proprio una di voi il filo conduttore di questa puntata. Si tratta di Rina Poletti, la sfoglina di Finale Emilia già protagonista di un’altra nostra trasmissione quella dedicata a Missione Matterello. Come ricorderete parlammo allora delle sfogline e sfoglini e della loro opera per raccogliere fondi e realizzare importanti iniziative nei comuni colpiti dal terremoto. Ora Rina Poletti ci ha mandato una sua ricetta che vede come protagoniste proprio quelle tagliatelle che lei instancabilmente prepara con le sue sapienti mani e che diventano un veicolo di solidarietà. Così com’è successo a una recente manifestazione che ha visto all’opera le sfogline di Missione Matterello, Nocinopoli, che si è tenuta a Modena qualche mese fa.

E in onore della manifestazione la ricetta si chiama proprio: Tagliatelle Nocinopoli

ci spiega Rina, “per 4 persone servono:

600 gr di tagliatelle all'uovo realizzate con 400 gr di farina di grano tenero specifico per fare pasta all'uovo e 4 uova di media grandezza 60-70 gr ciascuno .

per il sugo:
200 gr di ricotta fresca vaccina o mista  
50 gr di burro
250 gr di panna da cucina liquida
100 gr di parmigiano reggiano .
un bicchierino di nocino  (ma di quello buono buono come solo a Modena sanno farlo)
50 gr di noci fresche sgusciate e tritate grossolanamente” .

Racconta  ancora la nostra ascoltatrice Rina Poletti: “questa è una ricetta velocissima e gustosissima, potrete realizzarla in pochissimi minuti ed il successo è garantito . Le dosi sono un po’ abbondanti perchè è già previsto un bis oppure un ospite a sorpresa! Per il suo elevato potere calorico si può considerare un piatto unico .
Preparate le tagliatelle a mano, ma se non riuscite  acquistatele presso una pasta fresca.  Potrete  anche sostituirle con un prodotto industriale fresco, quelli che trovate nei banco frigo ma assolutamente no le tagliatelle secche perché il risultato non sarebbe lo stesso.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e tenetela piuttosto al dente. Non scolatele nello scolapasta ma  raccoglietele con l’apposito forchettone, così rimarranno belle umide. Passatelle ora in padella dove avrete messo, la ricotta, la panna, il burro, il parmigiano e fatele saltare velocemente senza farle asciugare. Aggiungete in sol colpo il nocino, alzate il fuoco e fate evaporare velocemente la parte alcolica rigirando con il forchettone la pasta . 

Le tagliatelle prenderanno un bel colore ambrato. Fate attenzione che la parte alcolica evapori completamente, fate velocemente così non si asciugheranno troppo. Ora impiattate e sopra ogni porzione appoggiate la noce fresca e sminuzzata finemente .
Il piatto è un piatto da re, un piatto che onora un liquore così raffinato come il Nocino Modenese”.

Ringraziamo Rina Poletti per la sua interessante ricetta che si aggiunge a quelle che già ci ha suggerito in passato, come le Tagliatelle al limone e il Gnoc ad furmintoun. Un saluto a tutti da Marina Leonardi.

Tags

Note

A cura di Marina Leonardi