Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Settimana News

Notizie dalla Regione

I titoli:

  • Infrastrutture. Bretella Sassuolo-Campogalliano, cantieri aperti nel 2018
  • L’Emilia-Romagna ha una nuova legge sullo sport
  • Canoni di affitto delle case popolari: si cambia
  • Welfare. Sostegno ai disabili soli, dalla Regione oltre 13 milioni di euro con il fondo “Dopo di noi”
  • Nasce l’azienda Usl di Reggio Emilia
  • Lotta alla corruzione e promozione della trasparenza, nuove misure per le Asl
  • Ricostruzione, donati 20 mila euro per interventi a Concordia e San Felice
  • Presentato dalla Giunta il nuovo piano sociale e sanitario
  • Il 2 giugno è la Giornata Verde in Emilia-Romagna. Trekking ed escursioni in Appennino e nelle aree protette

 

Una svolta importante per la realizzazione della Bretella Campogalliano-Sassuolo. Si avvicina, la partenza dei lavori per l’infrastruttura, previsti nel 2018. Al Palazzo ducale di Sassuolo, sono stati presentati progetto e cronoprogramma, alla presenza del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio, del presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, il presidente della Provincia di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, e il sindaco di Sassuolo, Claudio Pistoni. La nuova Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo - 15 chilometri con 2 gallerie artificiali, 8 viadotti e 5 svincoli - prevede un investimento complessivo di 506 milioni di euro, di cui 215 di contributo pubblico, e permette di riqualificare la rete di collegamenti a servizio del Polo produttivo del distretto della ceramica. Inoltre, alleggerisce la viabilità ordinaria delle zone collegate, spostando il traffico dei veicoli pesanti dalle strade all’autostrada.
 

Al via la nuova legge sullo sport della Regione Emilia-Romagna.  La legge prevede nuovi interventi con il coinvolgimento attivo delle scuole per avere più sport, anche in orario extrascolastico, e la possibilità di promuovere borse di studio per gli atleti emergenti. Prevede un piano triennale, con progetti e azioni di promozione dell’attività sportiva, contrasto all’abbandono e integrazione delle persone con disabilità, oltre al miglioramento dell’impiantistica. E’ previsto inoltre l’allargamento dei soggetti che riceveranno fondi regionali. Inoltre più ci sarà più sicurezza, con presidi di primo soccorso negli impianti sportivi e la professionalità certificata richiesta a chi terrà i corsi, e misure per contrastare ogni forma di violenza e discriminazione e il varo di specifica Carta etica.
http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/attualita/in-emilia-romagna-vince-lo-sport-approvata-la-nuova-legge-regionale-piu-praticanti-20-milioni-per-spazi-e-impianti
 

Le case di Edilizia residenziale pubblica dell’Emilia-Romagna hanno, da oggi, nuove regole che definiscono i requisiti d’accesso e i canoni di affitto. Regole che saranno applicate dai Comuni dal 1° ottobre 2017 (a stabilirlo, una delibera della Giunta regionale). Il canone d’affitto, ribattezzato”oggettivo”, sarà basato, oltre che sulle fasce di reddito degli inquilini, su una serie di indicatori come la metratura, le caratteristiche qualitative dell’appartamento, il comune e la zona in cui è ubicato. E gli stessi criteri saranno applicati uniformemente su tutto il territorio regionale. Il provvedimento, infatti, apporta alcuni correttivi che recepiscono le richieste dei Comuni, con l’obiettivo di rendere più efficace l’applicazione delle regole.
http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/attualita/Canoni-di-affitto-delle-case-popolari-si-cambia-patrimonio-di-tutti-giusto-destinarlo-a-chi-ne-ha-davvero-bisogno
 

La Regione Emilia-Romagna stanzia oltre 13 milioni di euro in tre anni con il fondo "Dopo di noi". Il Programma prevede misure di assistenza, cura e protezione per le persone con disabilità grave che siano orfane o prive di sostegno familiare. Tra gli obiettivi a cui si punta, quello di consentirne la permanenza in casa propria, nel proprio ambiente, in alternativa alle tradizionali strutture di ricovero e, al tempo stesso, si cerca di favorire l’autonomia e l’inclusione sociale dei disabili, grazie a specifici progetti di sviluppo delle singole abilità e competenze. Intanto si parte con una prima tranche di quasi 6 milioni e 600 mila euro disponibili per il 2017 da destinare ai Comuni e Unioni dei Comuni per attivare o potenziare programmi di intervento che prevedono, quando le condizioni fisiche della persona disabile lo consentono, soluzioni alternative all’istituto: la permanenza nella propria casa di origine; l’accoglienza in abitazioni, gruppi-appartamento o soluzioni di co-housing (un modo di abitare in comunità, che coniuga gli spazi privati con aree e servizi a uso comune) o la permanenza temporanea fuori dalla famiglia in particolari situazioni di emergenza.
 

Reggio Emilia dal 1° luglio 2017 avrà un’Azienda sanitaria unica, che si chiamerà Azienda Usl di Reggio Emilia, nata dalla fusione tra l’attuale Ausl e l’Azienda ospedaliera “Arcispedale Santa Maria Nuova”. Il nuovo assetto porterà ad un rafforzamento dei servizi per i cittadini, accompagnato dal contenimento della spesa pubblica e da una maggiore efficienza organizzativa, sia dal punto di vista strutturale che amministrativo. Attenzione puntata, inoltre, su prevenzione della corruzione e promozione della trasparenza. Il processo di fusione è stato svolto garantendo la valorizzazione delle risorse umane e professionali degli operatori, anche attraverso percorsi formativi e di riqualificazione condivisi.
http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/attualita/nasce-lazienda-usl-di-reggio-emilia-piu-servizi-per-i-cittadini
 

Rotazione obbligatoria degli incarichi, in particolare quelli dirigenziali; regole comuni per il Codice di comportamento dei dipendenti del sistema sanitario regionale; l’introduzione della responsabilità disciplinare e civile nel caso in cui non vengano consegnate alle Aziende e agli enti del Servizio sanitario regionale le dichiarazioni complete degli emolumenti e dei benefici goduti. É, in sintesi, quanto prevede l’articolo 5 (“Politiche di prevenzione della corruzione e di promozione della trasparenza”) della legge di fusione dell’Ausl di Reggio Emilia e dell’Azienda ospedaliera Arcispedale Santa Maria Nuova, approvata oggi dall’Assemblea legislativa. Con l’approvazione del provvedimento, le norme anticorruzione contenute dovranno essere applicate da subito da parte di tutte le Aziende sanitarie della Regione.
http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/attualita/lotta-alla-corruzione-e-promozione-della-trasparenza-nuove-misure-di-contrasto-e-prevenzione-per-le-asl
 

Raccolti 20 mila euro per sostenere interventi, in ambito sociale e scolastico, per la ricostruzione successiva al terremoto del 2012. I fondi, che sono stati consegnati alla presenza dell’assessore alle Attività produttive e Ricostruzione post sisma, Palma Costi, sono stati raccolti da Cgil, Cisl e Uil regionali, Confcommercio, Confesercenti, Federalberghi e Assohotel dell’Emilia-Romagna. Le risorse saranno suddivise equamente per due interventi nel modenese: uno riguarda il completamento dell’Auditorium della scuola media di Concordia capoluogo; l’altro è destinato all’acquisto di arredi, esterni e interni, per il centro residenziale Asp “Nuovo picchio” di San Felice. Alla consegna erano presenti anche i sindaci di Concordia, Luca Prandini, e di San Felice sul Panaro Alberto Silvestri, nonché il presidente dell’Asp Comuni modenesi area nord, Paolo Negro.
http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/attualita/ricostruzione-donati-20-mila-euro-per-interventi-a-concordia-e-san-felice
 

Lotta all’esclusione, alla fragilità e alla povertà. Nuovi strumenti per fornire servizi sempre più “integrati” e più vicini ai cittadini. Sono questi, in estrema sintesi, gli obiettivi del nuovo Piano sociale e sanitario dell’Emilia-Romagna per il triennio 2017-2019: approvato dalla Giunta regionale nei giorni scorsi. Il Piano, definisce gli strumenti necessari ad affrontare i nuovi bisogni e le profonde trasformazioni in atto nella società, scommettendo sull’integrazione tra sanità e welfare. Il documento offre anche una fotografia aggiornata dell’Emilia-Romagna, a partire dalla sua composizione demografica e sociale, ed è frutto di un percorso ampio e articolato, che ha coinvolto enti locali e Aziende sanitarie, Terzo settore, associazionismo e organizzazioni sindacali, oltre agli organismi politici competenti. Tutti gli strumenti strategici del piano sul sito della Regione.
http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/attualita/per-un-emilia-romagna-che-cambia-presentato-il-nuovo-piano-sociale-e-sanitario
 

Sono 22 gli appuntamenti organizzati per la Giornata Verde 2017, in programma domani 2 giugno e durante tutto il week end sull’Appennino e nelle grandi aree verdi protette dell’Emilia-Romagna. Per godere il ricchissimo cartellone di eventi gli operatori turistici hanno messo a punto 50 pacchetti vacanza. Come da tradizione, la Giornata Verde, organizzata da Apt Servizi Emilia-Romagna, dà il via alla stagione del turismo all’aria aperta, da vivere a piedi, in bicicletta o in barca, ma anche a tavola con l’enogastronomia più tipica dei territori. L’appuntamento clou è costituito da una sfida: l’ultra trail sulla Via degli Dei, una corsa di 125 km fra Bologna e Firenze, 5100 metri di dislivello positivo, da concludere nel tempo massimo di 30 ore percorrendo la “Flaminia Militare”, antica strada romana. Per tutti gli appuntamenti www.appenninoeverde.it

Tags

Note

A cura di Cinzia Leoni e Paolo Rambaldi

Commenti

commenti gestiti con Disqus