Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Settimana News

Notizie dalla Regione

I titoli:

  • Welfare. Caregiver, l'Emilia-Romagna apripista della legge nazionale
  • La scomparsa di Guazzaloca: il ricordo del presidente Bonaccini
  • A fine estate l'avvio dei lavori per il Centro meteo
  • Sport, il presidente Bonaccini premia la virtus Pallacanestro di Bologna per la Coppa Italia di A2
  • Turismo, il piccolo mondo antico di Guareschi in mostra a Bologna
  • A Bologna col Mercato Sonato tre giorni di festa nel weekend
  • Primo Maggio con gli Etruschi di Marzabotto

Il "modello caregiver" dell'Emilia-Romagna, che valorizza il ruolo di chi assiste familiari o amici disabili e non autosufficienti, arriva a Roma, dove prosegue l'iter d'approvazione della proposta di legge nazionale che prevede il riconoscimento di questa figura «come risorsa volontaria dei servizi sociali, sociosanitari e sanitari territoriali».
Ad illustrare la normativa regionale a Roma c'era la vicepresidente della Regione con delega al welfare, Elisabetta Gualmini, alla presentazione dello stato di avanzamento del disegno di legge nazionale. E' stata proprio l'Emilia-Romagna, sull'esempio di altri Paesi europei, la prima regione in Italia ad avere adottato una legge che riconosce il ruolo del familiare, del convivente, della persona amica che si prende cura di una persona cara impossibilitata a farlo autonomamente. Le Linee guida della legge regionale saranno presentate ufficialmente a Bologna il 19 maggio nella "Giornata regionale dedicata alla figura del caregiver".
http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/attualita/welfare-riconoscimento-giuridico-dei-caregiver-emilia-romagna-apripista-della-legge-nazionale

 

La scomparsa di Giorgio Guazzaloca ha una dimensione che travalica la cerchia cittadina di Bologna, città della quale fu orgogliosamente sindaco. Con Guazzaloca se ne va una persona che si distingueva - prima ancora della dimensione politica - per essere profondamente innamorato della propria città. Un valore in sé, per ogni amministratore pubblico che interpreti in modo completo la funzione di governo, a servizio della propria comunità. Con queste parole Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, ha ricordato la figura di Giorgio Guazzaloca, deceduto il 26 aprile a Bologna.
Guazzaloca era cresciuto nel culto del lavoro, per poi assumere, nel corso degli anni, responsabilità sempre crescenti nel mondo produttivo. Ma è forse nella elezione a sindaco, nel solco di un civismo che lo vide indiscusso protagonista, che ebbe modo di dimostrare il proprio impegno e il proprio amore per Bologna. Il presidente ha espresso alla famiglia il cordoglio personale e di tutta la comunità regionale.
http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/attualita/addio-a-guazzaloca-bonaccini-un-sindaco-innamorato-di-bologna

 

L'ex Manifattura Tabacchi di via Stalingrado, a Bologna, diventerà il cuore del sistema di grande calcolo di tutta Europa: una parte degli edifici accoglierà il Data center del Centro meteo europeo, altri spazi ospiteranno anche i centri di ricerca, le imprese e tutti coloro che in Europa vogliono trovare un punto di riferimento. Si tratta- come ha sottolineato l'assessore regionale all'Università e alla Ricerca Patrizio Bianchi in visita ai locali del tecnopolo insieme alle Commissioni consiliari di Comune e Cittàmetropolitana-  di una grande opportunità per la città di Bologna, per rilanciare il suo ruolo antico di sede dell'Università, sede della ricerca ma anche della nuova industria". Nel primo lotto verranno collocati l'Istituto Ortopedico Rizzoli, Enea, Arpae, e Lepida. Il bando è già stato aggiudicato e i cantieri dovrebbero partire a fine agosto. I lavori del data center del Centro meteo dovranno essere terminati entro il 2019.
http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/primo-piano/centro-meteo-europeo-una-grande-opportunita-a-bologna-il-cuore-del-sistema-di-calcolo-di-tutta-europa

 

Il presidente della Regione Stefano Bonaccini e il sottosegretario alla Presidenza, Andrea Rossi hanno consegnato una targa alla Virtus Pallacanestro Bologna, in merito alla vittoria conseguita in Coppa Italia A2, dopo la finale con Biella. Un trofeo che si è aggiunto al ricchissimo palmares della società, a partire dai 15 scudetti nazionali. "L'ultimo titolo di una storia che non finisce mai' è la frase incisa sulla targa consegnata alla società che ha contribuito, secondo Bonaccini, a far apprezzare Basket City in tutta Italia. La Regione Emilia-Romagna è molto attenta allo sport, sia professionale che dilettantistico, conta circa 3 milioni di praticanti, un numero superiore alla media nazionale. La Regione sta inoltre per approvare la nuova legge regionale sullo sport, costruita con il contributo di associazioni, enti pubblici, istituzioni e ha destinato all'impiantistica 20 milioni di euro.
http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/attualita/sport-bonaccini-premia-la-virtus-pallacanestro-bologna-per-la-coppa-italia-di-a2

 

Verrà inaugurata venerdì alle ore 16 in sala Borsa a Bologna la mostra: "Il Piccolo Mondo di Guareschi, in bicicletta lungo la via Emilia", un viaggio fotografico Di Giovannino Guareschi compiuto nel 1941 nei luoghi in cui hanno preso vita, 70 anni fa, i personaggi indimenticabili del sindaco di Brescello Peppone (Gino Cervi) e del suo avversario politico e amico, il parroco Don Camillo (Fernandel). In mostra ci saranno anche gli articoli del viaggio, realizzati allora per il Corriere della Sera, , testata della quale Guareschi era giornalista, ma anche la bicicletta con la quale ha compiuto l'impresa, oltre a quella del suo celebre personaggio Don Camillo. L'esposizione, promossa dalla Regione Emilia-Romagna in collaborazione con il Comune di Bologna, sarà inaugurata dall'assessore regionale al Turismo Andrea Corsini e dall'assessore comunale all' Economia e promozione della città del Comune di Bologna Matteo Lepore e rimarrà aperta fino al 15 maggio.
http://www.regione.emilia-romagna.it/notizie/attualita/turismo-il-piccolo-mondo-di-guareschi-in-mostra-a-bologna

 

Una non-stop di concerti, laboratori per bambini, proiezioni, spettacoli, performance di danza, mercatini vintage, flash mob, street food e solidarietà internazionale. Torna ‘Prima del Primo', la grande festa musicale, aperta a tutti e targata Senzaspine, che si terrà il 28, 29 e 30 aprile al Mercato Sonato di Bologna. La tre-giorni, promossa dall'Orchestra under 35, insieme a diverse realtà creative della città, culminerà domenica 30 aprile con la Biciclettata Sonata che partirà alle 14.30 da Piazza Maggiore, dove si esibiranno nelle tappe del percorso il Coro di Voci Bianche Senzaspine, la Swing Dance Society (prevista per le 15.15). i ballerini dell'Associazione Sguardi Oltre il Tango, la Reno Galliera Wind Orchestra (16.15), seguita dal Coro Voci Bianche Senzaspine (16.45). Infine, alle 17, il concerto dell'Orchestra Senzaspine diretta da Tommaso Ussardi e Matteo Parmeggiani. La serata al Mercato si concluderà con la jam session della BlueRing Orchestra. Gli eventi sono dedicati, quest'anno, alla raccolta fondi a sostegno della Ong ProgettoMondo Mlal, in favore delle popolazioni di Haiti, Bolivia e Burkina Faso (www.progettomondomlal.org).

 

Anche quest'anno, in occasione della Festa del Lavoro, il Museo Nazionale Etrusco "Pompeo Aria" e l'area archeologica di Marzabotto rinunciano alla chiusura del 1° maggio (coincidente con quella del lunedì) per consentire a cittadini e turisti di apprezzare i propri scavi e collezioni. Anche nella giornata del Primo Maggio il Museo sarà regolarmente aperto dalle 9 alle 18.30 e l'area archeologica dalle 8 alle 19. L'area archeologica dell'antica città di Kainua (a monte dell'odierna Marzabotto) è una testimonianza unica nell'ambito della civiltà etrusca, che vanta una straordinaria conservazione dell'impianto originale della città. Nel museo dedicato a Pompeo Aria -organizzatore del primo nucleo della collezione- si possono ammirare le testimonianze della vita della città che prosperò dalla fine del VI alla metà del IV secolo a.C., dai ricchi corredi delle necropoli alle ricostruzioni dei tetti e degli alzati delle case, dalle statuette votive in bronzo alla testa di Kouros, fino alle testimonianze recuperate a Sasso Marconi e nel territorio circostante.
Informazioni sul sito www.archeobologna.beniculturali.it 
http://www.archeobologna.beniculturali.it/Marzabotto/index.htm

Tags

Note

A cura di Cinzia Leoni e Paolo Rambaldi

Commenti

commenti gestiti con Disqus