Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Orchidee

Al Teatro Alighieri di Ravenna, il bellissimo spettacolo di Pippo Delbono prodotto tra gli altri da Emilia Romagna Teatro

Cari ascoltatori, siete ancora insieme a Marina Leonardi, per una nuova trasmissione dedicata agli spettacoli in Emilia-Romagna. Oggi andiamo a Ravenna, per incontrare uno degli interpreti più lucidi e intelligenti del teatro italiano, Pippo Delbono che il 31 marzo e il 1 aprile è al Teatro Comunale Dante Alighieri con il suo spettacolo Orchidee, prodotto tra gli altri da  Emilia Romagna Teatro Fondazione con cui l'attore ligure realizza quasi tutti i suoi spettacoli.

In Orchidee Pippo Delbono viaggia nelle diverse dimensioni dello spazio teatrale, trascina nella sua danza imprevedibile i fantasmi del cinema, guida i suoi attori attraverso gli specchi, rende omaggio alle immagini. Come riassunto dai fiori esotici del titolo, spesso in esemplari artificiali per abbellire i salotti borghesi, mette in scena il falso di fronte al vero, opponendo i codici della finzione cinematografica all'arte dello spettacolo dal vivo, alla verità dell'azione teatrale.

Ancora una volta, il regista-attore rompe le barriere e si impossessa del palco con la sua compagnia-famiglia: cantori, danzatori, attori di altri mondi che insieme inventano una celebrazione delle forze della vita per un "teatro necessario". Ci sono Dolly Albertin, Gianluca Ballarè, il mitico Bobò, Ilaria Distante, Simone Goggiano, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Julia Morawietz, Gianni Parenti, Grazia Spinella e Pepe Robledo che lavora con Delbono da più di trent'anni.

Orchidee è una festa che infiamma, rende omaggio ai vivi e alla verità delle cose, alla bellezza luminosa degli esseri sempre in preda alla luce oscura della luna. E il risultato è uno spettacolo imperdibile, chi vi parla Orchidee l'ha visto ben due volte.

Per informazioni: www.teatroalighieri.org

E parlando di uno spettacolo meraviglioso non potevamo che lasciarvi sulle Beautitudes di Martinov eseguite dal Kronos Quartet, un saluto da Marina Leonardi.

Tags

Note

A cura di Marina Leonardi