Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Sentire il teatro

L'esperienza dell'audiodescrizione con Teatro no limits

L’audiodescrizione rende ‘visibili’ i particolari silenziosi degli spettacoli teatrali per gli ipovedenti: gli spettatori sono dotati di cuffie wireless collegate alla sala di regia, dalla quale un attore professionista guida gli utenti lungo lo sviluppo narrativo visuale dello spettacolo. Il testo è preparato in anticipo e si integra perfettamente con il copione teatrale, senza mai sovrapporsi ai dialoghi e alla colonna sonora.

Abbiamo seguito per un intero pomeriggio - in occasione dello andata in scena con audiodescrizione di "Ragazzi di vita" , regia di Massimo Popolizio, al Teatro Arena del Sole di Bologna il 24 marzo 2019 -  il lavoro dell'affiatato team del Centro Diego Fabbri di Forlì e della Regione Emilia-Romagna e abbiamo raccolto le voci di spettatori, operatori e attori per raccontarvi questa importante esperienza di accessibilità.
Il progetto Un invito a Teatro no Limits è realizzato dal Centro Diego Fabbri di Forlì con il DIT (Dipartimento di Interpretazione e Traduzione) dell’Università di Bologna – sede di Forlì e la Sezione Provinciale di Forlì-Cesena della UICI, (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti) per permettere alle persone non vedenti, ipovedenti e non udenti, di assistere agli spettacoli teatrali.

Interviste a signora Prima, Lino Guanciale, Valeria Illuminati e Paolo De Lorenzi

Lettura audiodescizione di Laura Sciancalepore

Note

A cura di Piera Raimondi Cominesi