Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Voci di tenebra azzurra

In prima nazionale a Cesena il nuovo spettacolo della brava attrice e poetessa Mariangela Gualtieri

Adesso le genti mie stanno

tutte in sbando

Chiedono e nessuno può ascoltare.

Sentiamo un’ombra avvolgente

cadere sulle nazioni del mondo.

Una generale scontentezza sporge

tutti i cuori verso quel luogo

dove tutto si rompe, dove il popolo

muore. Ma tu non dire il nome

di quello sfascio - e metti nella testa

nel respiro un paesaggio di pace.

Mettiti dentro più che puoi

una pace - Mettila dentro i pensieri

appoggiala alla fronte

e sulla testa come una brocca

porta la pace con quell’attenzione

che non cada - che non si versi una goccia

di pace. Calmati ora, calma tutto il sangue.

(Mariangela Gualtieri)

 

Cari ascoltatori siete di nuovo insieme a Marina Leonardi per una nuova trasmissione dedicata agli spettacoli in Emilia Romagna. Le splendide parole con cui abbiamo aperto sono di Mariangela Gualtieri, attrice e drammaturga, cofondatrice del Teatro Valdoca di Cesena e anche una delle voci più belle e importanti della poesia italiana contemporanea. Mariangela Gualtieri fino a domenica 21 presenta in prima nazionale al Teatro Valdoca (via Aldini 26) di Cesena il suo nuovo spettacolo, un monologo dal titolo Voci di tenebra azzurra.

Una donna poeta si dispone al dialogo con interlocutori non visibili, in un’apertura che chiama in campo le maestre e i maestri del passato, ciò che hanno detto e pensato: è stato tutto inutile se siamo arrivati fin qui? O forse è tempo di un ascolto più acuto, di un silenzio più largo, di un amore più adorante per la terra e per tutte le specie che la popolano.

In questo viaggio nella contemporaneità, Mariangela Gualtieri struttura il suo recitato in una forma più prossima al monologo, intercalando l’aspra denuncia all’intima introspezione, le osservazioni stupite della natura a una serie di domande decisive, fino a condurre lo spettatore verso un atteggiamento di risvegliata attenzione, fuori dai torpori del presente.

Il preciso disegno di luci e la regia di Cesare Ronconi, l’altro cofondatore del Teatro Valdoca, l’accurata ricerca del suono e alcuni pregnanti oggetti di scena creati da Patrizia Izzo, fanno di questa essenziale partitura visiva e sonora una piccola, preziosa pièce di vivo teatro.

A chi non potesse vedere dal vivo questo nuovo spettacolo di Mariangela Gualtieri consigliamo almeno la lettura di qualcuno dei suoi bellissimi testi: tra quelli più recenti, Senza polvere senza peso, Bestia di gioia, Caino, tutti editi da Einaudi e ancora Paesaggio con fratello rotto (Luca Sossella, 2007), Sermone ai cuccioli della mia specie (L’arboreto Editore, 2006).

Potete trovare maggiori informazioni sul sito: www.teatrovaldoca.org

Un saluto da Marina Leonardi.

Tags

Note

A cura di Marina Leonardi