Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Emilia Romagna è Un Mare di Sapori

A fine giugno prende il via l'edizione 2014 di Emilia Romagna è Un Mare di Sapori: un omaggio ai 2200 anni della Via Emilia ma anche al suo legame con le paste ripiene regionali in un ricco cartellone di eventi a sfondo enogastronomico che toccherà le principali località dell'Emilia e della Riviera romagnola, per un'estate all'insegna del gusto, proponendo a visitatori e turisti il racconto e la cultura del cibo e del vino attraverso tantissime degustazioni.

Cappelletti, tortelli e tortellini, ma anche ravioli, cannelloni e lasagne. Un lungo nastro di sfoglia farcito di impasti e ripieni che si snoda, mutando forme e sapori, lungo le 177 miglia romane che collegano Rimini a Piacenza. Così nasce l'Emilia Romagna del gusto, unita da quella Via, costruita 2200 anni fa per spostare gli eserciti, ma ben presto divenuta anche strada di commerci e di scambio di culture. Una terra unica e fertile di idee e di prodotti, dove nei secoli l'incontro-scontro fra i mores e la cultura gallica ed etrusca prima, longobarda e bizantina poi, hanno creato una tra le proposte più eclettiche fra le cucine d'Italia e d'Europa, con quasi 300 piatti della tradizione e 39 prodotti certificati fra Dop e Igp.

La manifestazione organizzata dall'assessorato regionale all'Agricoltura, coinvolge ben 7 province della regione, dall'entroterra al mare: Piacenza, Parma, Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena, e Rimini. Ai 24 eventi principali se ne uniranno molti altri fino ad ottobre.

Sono tante le novità dell'edizione 2014, a partire dallo spettacolo teatrale "Æmilia RoMagna" - Per quella Via che sfoglia racconti d'impasti e di ripieni - originale racconto delle paste ripiene lungo la Via Emilia di e con Matteo Belli, in anteprima assoluta. Novità anche per Fuoco al Mito, l'omaggio al "re dei formaggi", il Parmigiano-Reggiano, per la prima volta non più nelle località di mare, bensì in tre città (Bologna, Ferrara, l'esordio di Cesena), oltre al tradizionale appuntamento a Cervia per "Sapore di Sale". E ancora la conferma di Tramonto DiVino, serate di degustazione dei grandi vini dell'Emilia-Romagna in abbinamento ai prodotti tipici DOP e IGP, con l'inserimento della tappa a Ravenna città, a sostegno della candidatura come Capitale europea della Cultura 2019. Ci sarà anche una degustazione esclusiva di bollicine regionali a Cesenatico in occasione del Primo Premio Metodo Classico Emilia-Romagna, il matrimonio con il Consorzio del Franciacorta a Milano Marittima. E poi sono state rinnovate le collaborazioni con eventi accomunati dalla valorizzazione della cultura del cibo e del territorio, come "Sapori da Mare" nei lidi ferraresi, "Sapore di Sale" a Cervia e la "Sagra della Vongola" a Goro, a cui si aggiungono "Nel ventre della Balena di Bologna", un viaggio alla scoperta del pesce assieme allo Chef Marcello Leoni. E ancora le "Leccornie di Emilia Romagna Festival", itinerari di musica, scoperte e degustazioni in cinque tappe; le "Sere d'estate fresche di vino" dell'Enoteca Regionale e "La Claziò di Cuntadè", passeggiate in bicicletta, tra prodotti DOP e IGP, alla scoperta del territorio ravennate. Gran finale con "Piacenza è Un Mare di Sapori" dedicato ai nostri prodotti con un'attenzione particolare al mare che, qualche millennio fa, era in città.

Tutte le informazioni e il programma sul sito: www.unmaredisapori.com, con la possibilità di iscriversi alla newsletter e di accedere ai canali Facebook e You Tube dedicati.

Tags

Note

A cura di Cinzia Leoni

Commenti

commenti gestiti con Disqus