Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Non arretreremo!

Renato Zangheri, il Sindaco Professore

Il 6 agosto 2015, quattro giorni dopo l'anniversario della strage alla stazione di Bologna, moriva a 90 anni Renato Zangheri, storico e politico che governò la città dal 1970 al 1983, in uno dei periodi più difficili e bui che l'Italia repubblicana abbia mai attraversato. Nella giunta del suo predecessore, Giuseppe Dozza, fu il primo assessore alle "Istituzioni culturali" del nostro Paese, gettando le basi di un futuro mandato come primo cittadino; mandato che si concretizzò dopo l'amministrazione di Guido Fanti.

Zangheri avviò il piano di recupero e risanamento del centro storico, rivoluzionando il trasporto pubblico. Fu il primo sindaco ad affidare una struttura pubblica a un'associazione gay, il Cassero, tuttora attiva. Ma, nella memoria della gente, Zangheri, con i suoi modi discreti ed eleganti, la sua viva intelligenza e la sua grande cultura,  fu soprattutto il sindaco che dovette sorreggere una Bologna disperata e sconvolta da un'ondata di eventi strazianti: dall'Italicus nel 1974, dall'abbattimento del DC9 Itavia a Ustica, alla bomba alla stazione che colpì al cuore la città nell'80.

Proprio sul periodo bolognese di Zangheri si è concentrato il lavoro di Mauro Bartoli e Lorenzo K. Stanzani, autori e registi del documentario Non arretreremo! Renato Zangheri il Sindaco Professore, in cui, oltre a testimonianze di amici, come Giorgio Napolitano, e di antagonisti, come Franco Berardi "Bifo", è Zangheri stesso a raccontarsi in due rare interviste, analizzando lucidamente gli anni in cui Bologna era il baluardo del comunismo illuminato in occidente, gli anni delle contestazioni studentesche e delle incomprensioni con le nuove generazioni capendone le ragioni solo anni dopo e ammettendo coraggiosamente, da puro intellettuale qual era, di aver sbagliato. Sentiamo.

Clip Zangheri

Sulla realizzazione del film e sulla figura del "Compagno professore" diamo invece la parola ai due autori. Ecco che cosa ci hanno raccontato.

Intervista a Bartoli e Stanzani

Il film, realizzato in collaborazione con Rai Cultura e la Cineteca di Bologna, sarà proiettato il 30 luglio alle 21:45 in Piazza Maggiore, nella rassegna bolognese "Sotto le stelle del cinema". Il 2 agosto, alle 21:30, su Rai Storia, canale 54 del digitale terrestre.
Buona visione da Anna Sbarrai.

Tags

Note

A cura di Anna Sbarrai 

Commenti

commenti gestiti con Disqus