Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Cento per trantacinque

Cento fascicoli e trentacinque anni di attività per Romagna Arte e Storia

Buon compleanno e buon lavoro a Romagna Arte e Storia, la bella rivista di storia locale che compie trentacinque anni, un arco di tempo importante! In più un'altra cifra tonda e densa di significati si festeggia: il fascicolo numero 100.  Sfogliando quelle pagine quanta storia della nostra cultura, quante firme prestigiose di studiosi, intellettuali giornalisti che hanno collaborato e che, nel rinnovarsi del tempo e delle generazioni, sono presenti e sostengono l’impegno di tre persone che sono alla base e costituiscono ancora l’ossatura portante di questo eccellente esperimento di autonomia e profonda conoscenza del territorio. 

Tutto cominciò tra il 1979 e il 1980. Furono tre amici riminesi, personaggi di cultura e sensibilità profonda, a mettere a punto il progetto di una rivista che potesse aprirsi alle nuove generazioni e ad un pubblico attento alla storia, ma anche alle differenti manifestazioni artistiche e che diventasse un modo per dialogare con stile agile, ma non superficiale con i lettori e potesse far conoscere la ricchezza della Romagna, le sue tante potenzialità. Una rivista attenta alla divulgazione, ma rigorosa che si avvale fin da subito di eminenti collaboratori come di alto profilo è la sua redazione. Una rivista non legata ad alcuna istituzione, al passo con i tempi, che ha acquisito presto il rango e il respiro di  un periodico nazionale. Un serbatoio ricco e sfaccettato, uno spazio per nuove ricerche, per contaminazioni e letture aggiornate del territorio. 

Romagna Arte e Storia è segno di quella tradizione di profonda cultura locale che dimostra la volontà e l’impegno di mantenere vivo, riconoscibile, pur guardando alla globalità il tessuto di una terra che da sempre sprigiona personalità e eventi. Non sciorineremo una teoria di nomi, e non raccontiamo qui la storia articolata di questa bella pagina della cultura italiana. Per questo vi rimandiamo, sul numero Cento alle considerazioni di Ferruccio Farina e di Pier Giorgio Pasini, due dei tre che con Franco Fellini l’hanno creata e sullo stesso fascicolo alla preziosa intervista di Dante Bolognesi al professor Roberto Balzani, ecco altri due nomi di riferimento di questa lunga vicenda di carta e di persone.

Ci preme segnalarvi che, per sottolineare i traguardi raggiunti,  la redazione della rivista - Bruno Ballerin, Dante Bolognesi, Giordano Conti, Ferruccio Farina, Pier Giorgio Pasini e Claudio Riva – ha ideato un trittico di incontri sparsi sulla Romagna per presentare il n. 100. Questo contiene gli indici dei seicentoventicinque saggi pubblicati. Sarà l'occasione per riflettere sull'attualità e il valore degli studi di storia locale.  
Gli incontri sono i seguenti e godono del patrocinio dell’ Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna (IBC)

A RIMINI: 20 febbraio 2015, venerdì, ore 17, Biblioteca Gambalunga, Sale antiche, con ROBERTO BALZANI e PIERO MELDINI;
A RAVENNA: 14 marzo 2015, sabato, ore 11, Biblioteca Classense, con ANGELO VARNI e ERALDO BALDINI; 
A CESENA: 9 aprile 2015, giovedì, ore 10, Biblioteca malatestiana, con CARLA GIOVANNINI e Pier Giorgio PASINI.

Buon compleanno!
Un saluto da Valeria Cicala

Tags

Note

A cura di Valeria Cicala

Commenti

commenti gestiti con Disqus