Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Note sul registro

Il Bologna Festival porta l'educazione alla musica
dalle materne alle superiori

13 dicembre 2011

È sempre più importante educare i giovani fin dalla prima infanzia perché possano avere la possibilità di avvicinarsi alla cultura musicale classica anche in modo non consueto e con l'utilizzo dei linguaggi multimediali. L'obiettivo è quello di avere un pubblico preparato anche in futuro e che possa apprezzare le splendide pagine musicali scritte dai maestri del passato ma anche la musica contemporanea. È questo il progetto del Bologna festival dal titolo Note sul registro, che riguarda una fascia di età che va dalle scuole materne alle superiori. Gli appuntamenti si differenziano secondo le diverse fasce scolari, in lezioni concerto multimediali, in spettacoli musicali e guide all'ascolto introduttive di concerti sinfonici del Bologna Festival.

L'iniziativa prende il via il 15 dicembre con la rassegna dedicata ai più piccoli Il Baby BoFè: 4 spettacoli musicali dedicati ai bambini delle scuole materne ed elementari, si tengono al teatro dell'Antoniano di Bologna con la sceneggiatura e regia di Sandra Bertuzzi, la compagnia Fantateatro e Pina Coni al Piano.

Sempre in quest'ambito segnaliamo l'importante collaborazione con la fondazione Teatro Comunale di Bologna, che mette a disposizione il coro del Teatro nello spettacolo Il Canto degli Elfi (il 15 e 16 marzo), dove gnomi e maghi cantano le loro antiche storie sulle note dei famosi Carmina Burana di Carl Orff. Chiude la rassegna dedicata ai bambini piccoli Nonno Cembalo e la favola della Musica, spettacolo che si tiene al Teatro Testoni con musiche di François Couperain e Jean Philippe Rameau (il 29 febbraio). Con Willem Peerik al clavicembalo che racconterà suonando la storia dei musicanti di Brema.

Ma sentiamo una delle protagoniste di questa rassegna: la pianista Pina Coni, diplomata con i massimi voti e lode in pianoforte in Organo e composizione, che già dall’età di nove anni svolge con successo di pubblico e di critica l'attività concertistica da solista e in varie formazioni da camera, dal duo al quintetto, con cantanti e strumentisti, in Italia e all’estero. Dal 2005 è pianista accompagnatore del Concorso nazionale flautistico "E. Krakamp" e del Concorso internazionale flautistico "D. Cimarosa". Le diamo il benvenuto e le chiediamo com'è nata la collaborazione con il Bologna festival per la rassegna Baby BoFè. 

Intervista a Pina Coni

Gli appuntamenti per le scuole medie e superiori sono realizzati in un'ottica interdisciplinare, vengono dedicate lezioni concerto a due compositori fondamentali del passato: Bach e Mozart, esplorando anche il contesto storico e culturale in cui hanno operato. Si focalizza l'attenzione anche sulla musica contemporanea, con punti di contatto con le arti visive, in percorsi realizzati con il MamBO, a John Cage e al suo rivoluzionario Pianoforte preparato nel centenario della nascita del composiotore americano viene dedicata una particolare lezione concerto.

Molte lezioni concerto sono ospitate dal conservatorio di Bologna Giacomo Martini o dal Mambo nel caso della musica contemporanea. La partecipazione a tutte le attività prevede un contributo di 100 euro per classe. Per ulteriori informazioni www.bolognafestival.it

Tags

Note

A cura di Cinzia Leoni

Commenti

commenti gestiti con Disqus