Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

LeiBei

Un’atmosfera urbana e scura nel cd d’esordio In Cauda Venenum

13 gennaio 2011

Alice

Cari ascoltatori di RadioEmiliaRomagna, è sulle note di Alice, brano contenuto nel cd dal titolo In Cauda Venenum, che diamo il benvenuto su RadioEmiliaRomagna all’energetica band bolognese al femminile LeiBei.

La band LeiBei nasce a Bologna nel 2006 da un’idea di Silvia Raggetti, Serena Sacchetti ed Erica Martini, che suonano insieme nelle The Daffodils già da qualche anno. Stanche di suonare cover, le ragazze decidono di dedicarsi alla composizione di brani propri e di dare quindi vita ad un nuovo progetto.

Nel 2007 le LeiBei registrano un nuovo demo, contenente sette brani, dal titolo “… e camminerai volando”, che vede la produzione artistica e la partecipazione nel brano Alice di Germano Bonaveri, e la partecipazione come tecnico del suono di Giovanni Garoia. Nell’estate 2009 Riccardo Brusori, già batterista dei Sideroxylon, dà un apporto più “stoner” alla musica della band. Con Riccardo, la band si dedica al primo album, che viene registrato a giugno 2010 presso il Morphing Studio di Castelmaggiore (Bologna). Registrazione, mixaggio e mastering sono seguiti da Cristiano Santini (Disciplinatha, Lunacy Box). L’artwork dell’album, che porta il titolo In cauda venenum, viene curato da Serena Sacchetti. La band fatica a dare alla sua musica una definizione precisa di genere, appartenendo essa all’indie-rock ma risentendo di influenze da stili musicali diversi.

Ma ora lasciamo spazio alla musica della band bolognese LeiBei ascoltando il brano Nessun momento contenuto nel loro cd d’esordio dal titolo In Cauda Venenum.

Nessun momento

Cari ascoltatori di RadioEmiliaRomagna abbiamo qui con noi oggi la portavoce della band bolognese LeiBei, Serena Sacchetti

Intervista a Serena Sacchetti

Brani:

Sticky man 

Gringo

Alle Fronde

Luna

Appuntamento alla prossima puntata di "Scelto per voi".

Sito web: www.leibei.it

Tags

Note

A cura di Cinzia Leoni e Angela Benassi

Commenti

commenti gestiti con Disqus