Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Marco Sforza e l’Orchestrina Separè

E il suo ultimo cdUn Capolavoro”

5 marzo 2014 

Cari ascoltatori di un saluto a tutti da Cinzia Leoni. Oggi nelle nostre scorribande musicali ci immergiamo nella musica del cantautore reggiano Marco Sforza. Il brano che state ascoltando in sottofondo è Vita da Single contenuto nell’ultimo cd del cantautore dal titolo “Un capolavoro” che oggi abbiamo scelto per voi. Tredici canzoni che raccontano la quotidianità tra serietà ed ironia, e in sottofondo l’Orchestrina Separè.

Marco Sforza, dell’'81 , pianista virtuoso e chitarrista, è un cantastorie dallo spiccato senso dell’humor, dalla voce calda e graffiante al tempo stesso. Emiliano, della sua regione conserva la convivialità semplice cercando la complicità di chi lo ascolta e ,nello stesso tempo, gli piace stupire, con la battuta intelligente e il gesto che suscita il riso e la simpatia, in una conversazione garbata con suo pubblico. Ricorda i cantautori vecchio stile coniugando folklore popolare e chanson alla francese.

Marco Sforza ha realizzato un primo disco dal titolo "Laiv" (2008), un secondo lavoro discografico dal titolo “Bocce” (2011), un EP di cinque canzoni registrate dal vivo in studio. “Un Capolavoro” è il suo ultimo LP del 2013, autoprodotto e registrato al teatro Vittoria di Pennabilli (RM), con la registrazione e il missaggio di Franco Fucili e Mastering di Davide Barbi.  

Ma spazio alla musica di Marco Sforza con il brano Tintarella d'Amor contenuto nel suo ultimo cd dal titolo “Un Capolavoro”.

Cari ascoltatori di RadioEmiliaRomagna diamo il benvenuto al cantautore reggiano Marco Sforza 

Intervista Marco Sforza 

Brani:
Sotto le unghie delle dita
Un capolavoro  

Salutiamo e ringraziamo il cantautore reggiano Marco Sforza e l’Orchestrina Separè ascoltando il brano Non ci resta che cantare contenuto nel suo ultimo cd dal titolo “Un Capolavoro”. Un saluto da Cinzia Leoni  e continuate a seguirci su Scelto per voi.  

www.marcosforza.it

Tags

Note

A cura di Cinzia Leoni e Angela Benassi

Commenti

commenti gestiti con Disqus