Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

La questione delle ecomafie. Un seminario a Parma

Campus, reti e connessioni di formazione ricerca e impresa in Emilia-Romagna

22 novembre 2010

Benvenuti a Campus e a una puntata del magazine dedicata tema delle ecomafie, oggetto di un seminario promosso dall'Università di Parma. Ne abbiamo parlato con Laura Pineschi. Nella seconda parte del magazine, le news dal mondo della ricerca e delle università.

Le mafie inquinano le attività economiche e produttive nazionali e internazionali alimentando un giro d’affari che non conosce crisi economica. E ci sono attività come il traffico di rifiuti tossici o nocivi, di prodotti chimici o di specie animali e vegetali protette, direttamente gestite dalla criminalità organizzata o realizzate con il coinvolgimento di manager insospettabili, di colletti bianchi, di segmenti corrotti delle pubbliche amministrazioni. Su questi temi si è svolto la scorsa settimana all'Università di Parma il seminario «La questione delle “ecomafie”. Tutela dell’ambiente e attività di contrasto alla criminalità organizzata», promosso dalla Facoltà di Giurisprudenza e dal coordinamento di parma dell'Associazione “Libera”. Ascoltiamo la scheda.

Scheda
La Direzione nazionale antimafia ha più volte invitato tutte le istituzioni a favorire iniziative per sensibilizzare e informare soprattutto i giovani sul fenomeno delle ecomafie e, più in generale, sulle conseguenze devastanti della criminalità ambientale. Il seminario organizzato dalla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Parma ha voluto raccogliere questo invito, con l’obiettivo di analizzare i principali riferimenti normativi nazionali e internazionali. Ma anche i loro limiti e le difficoltà nelle azioni di prevenzione e repressione degli illeciti ambientali e nel contrasto di queste pericolose reti criminali.

Laura Pineschi, Preside della Facoltà di Giurisprudenza, è stata la promotrice del seminario.

E ora le news dal mondo della ricerca e delle università
In concomitanza con la Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia, il 20 novembre, hanno preso il via una serie di iniziative organizzate dall’Università, dal Comune e dalla Provincia di Bologna, dalla Regione Emilia-Romagna. Un fitto calendario, da sabato 20 fino a sabato 27, dedicato al tema dell'infanzia e con incontri, convegni, workshop, spettacoli, attività culturali e di animazione rivolti a studenti, educatori, insegnanti, amministratori, ma anche genitori e ovviamente bambini. Il programma è su www.magazine.unibo.it.

Resterà aperta fino al prossimo 12 dicembre la mostra Giuseppe Gambirasio. Architetture 1957-2007, inaugurata la scorsa settimana presso lo Urban Center-Chiesa di San Domenico di Ravenna. L'esposizione, che prende in esame le opere dell'architetto bergamasco nell'arco dei suoi cinquant'anni di attività, è realizzata in collaborazione con la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Bologna, sede di Ravenna,

Per questa puntata è tutto, Campus vi dà appuntamento alla prossima settimana.

Abbiamo trasmesso Campus, reti e connessioni di formazione ricerca e impresa in Emilia-Romagna.

Tags

Note

A cura di Federico Lacche

Commenti

commenti gestiti con Disqus