Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Speciale EnERgie Diffuse. Parte la settimana della cultura in Emilia-Romagna

Le interviste all’assessore regionale alla cultura Massimo Mezzetti, al presidente di IBC Roberto Balzani e al responsabile del Servizio Cultura Gianni Cottafavi

Parte EnERgie Diffuse, la settimana della cultura in Emilia-Romagna, realizzata dall’assessorato alla Cultura della Regione, assieme ai Comuni e alle realtà culturali del territorio, per celebrare l’Anno Europeo del Patrimonio culturale 2018. Dal 7 al 14 ottobre sono centinaia gli eventi in programma in tutta la regione, tra spettacoli, incontri, open day di teatri, biblioteche e archivi, per raccontare e mettere in luce il ricco e diffuso patrimonio regionale, costituito da  535 musei, 1300 biblioteche, oltre 100 teatri storici, circa 300 tra siti e monumenti archeologici, ma anche per evidenziare il lavoro di qualità realizzato dagli operatori culturali, per esempio nell’ambito dello spettacolo, dove l’Emilia-Romagna è secondo posto per offerta nel panorama italiano.

Ma perché EnERgie Diffuse? Ce lo spiega l’assessore regionale alla Cultura Massimo Mezzetti

Intervista Massimo Mezzetti

Parte integrante del vasto programma di EnERgie Diffuse  sono gli open day di teatri, musei e archivi, circa 200 le aperture previste, ce ne parla il presidente dell’Istituto per i Beni artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, Roberto Balzani.

Intervista Roberto Balzani

Come ricordava l’assessore Mezzetti sono previsto 400 eventi, un’organizzazione molto complessa, gestita dall’assessorato e che ha coinvolto tutto il territorio. Ce ne parla Gianni Cottafavi responsabile del Servizio Cultura

Intervista Gianni Cottafavi

Ricordiamo che si possono consultare tutti gli eventi in programma sul sito emiliaromagnacreativa.it

Tags

Note

A cura di Cinzia Leoni

Commenti

commenti gestiti con Disqus