Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Atlas of Transitions - Home

Sentirsi o non sentirsi a casa. Il Festival si interroga sulle migrazioni dal 1 al 10 marzo, a Bologna. Ne parliamo con la curatrice, Piersandra Di Matteo

Dopo aver esplorato il “diritto alla città”, Atlas of Transitions Biennale torna a Bologna dall’1 al 10 marzo con il titolo HOME. La nuova edizione si interroga sulla migrazione attraverso lo spettro ampio della nozione di “casa”, e lo fa attraverso tantissimi appuntameenti: debutti nazionali di artiste provenienti dall’Africa sub-sahariana, una performance che appella gli abitanti di Bologna, esperienze corporee condivise, workshop, una masterclass per attori, dj-set, film rivolti alle comunità straniere, momenti discorsivi, un convegno internazionale, una residenza di creazione, un edit-a-thon collettivo promosso da adolescenti, l’istituzione di una scuola temporanea per apprendere e sperimentare saperi e pratiche culturali dei Paesi d’origine dei migranti.
HOME  porta sulla scena artiste, performer, coreografe, cantanti provenienti da Costa d’Avorio, Mali, Estonia, Ruanda, Siria, Palestina, Cuba.

Ne parliamo con Piersandra Di Matteo, curatrice di Atlas of Transitions Biennale.

scopri il programma

Luoghi / Bologna

  • Ateliersi | Via San Vitale 69
  • Cinema Lumière / Cineteca di Bologna | Piazzetta P.P. Pasolini 2b
  • DAMSLab | Piazzetta Pasolini 5b
  • MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna | Via Don Giovanni Minzoni 14
  • MET | Via Massimo Gorki 6
  • Sala del VIII Centenario | Via Zamboni 33
  • Teatri di Vita | Via Emilia Ponente 485
  • Teatro San Martino | Piazza San Martino

Note

A cura di Piera Raimondi Cominesi

Commenti

commenti gestiti con Disqus