Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Liliana Cavani porta in teatro “Filumena Marturano”

Al Duse di Bologna dall’11 al 13 novembre. Intervista alla regista

“Filumena Marturano”, uno dei testi di Eduardo più amati e rappresentati, è ispirato da un fatto di cronaca dal quale Eduardo ha tratto spunto per costruire una delle sue commedie più belle, dedicata alla sorella Titina. La storia è quella di Filumena Marturano e Domenico Soriano, indimenticabile la versione cinematografica di De Sica, interpretata da Sophia Loren e Marcello Mastroianni. Filumena è caparbia, mossa dalla volontà di riscatto, con un passato di povertà e tristezze, decisa a difendere fino in fondo il destino dei suoi figli; Domenico è un borghese, figlio di un ricco pasticciere, donne e capricci, ora stretto in una morsa dalla donna che lo tiene in pugno e a cui si ribella con tutte le sue forze.

Nel ruolo di Filumena e Domenico due grandi protagonisti della scena italiana: Mariangela D’Abbraccio, che ha iniziato la sua carriera diretta da Eduardo nella Compagnia di Luca De Filippo e Geppy Gleijeses, allievo prediletto di Eduardo che per lui nel 1975 revocò il veto alle sue opere. Le scene e i costumi sono di Raimonda Gaetani che dal 1974 ha lavorato con Eduardo De Filippo per tante commedie e produzioni televisive.

A dirigere la commedia una tra le regista di cinema più amate al mondo, Liliana Cavani, che con questo allestimento debutta nella regia di prosa. Ascoltiamola nell’intervista.

Intervista Liliana Cavani

Tags

Note

A cura di Piera Raimondi Cominesi

Commenti

commenti gestiti con Disqus