Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Character wow! La tecnologia e i personaggi del Future Film Festival

A Bologna dal 2 al 7 maggio

Il mio saluto a tutti voi all’ascolto della rubrica cinema, questa settimana dedicata al Future Film, manifestazione che dà ufficialmente il via alla grande stagione estiva dei Festival cinematografici dell’Emilia-Romagna. Per il 19esimo anno sarà Bologna a ospitare l’edizione del Festival che, dal 2 al 7 maggio avrà come location principale il Cinema Lumière, con incursioni in altri luoghi del centro città, come l’Accademia di Belle Arti o la Galleria d’Arte Contemporanea ONO.

Dieci i film a contendersi il Platinum Grand Prize, che mostreranno il meglio dell’animazione e delle nuove tecnologie cinematografiche. Il tema dell’edizione sarà invece “Character Wow!”, omaggio ai personaggi del cinema d’animazione e al loro divenire icona, come ci raccontano i due direttori artistici Oscar Cosulich e Giulietta Fara, ospiti ai nostri microfoni.

Intervista Oscar Cosuliche e Giulietta Fara

Il film di apertura, lo abbiamo sentito, sarà A Monster Calls, in italiano tradotto in “7 minuti dopo la mezzanotte”, in cui potremo vedere anche Sigourney Weaver e Geraldine Chaplin. Segnalo inoltre il musical black comedy ungherese Liza, the Fox-Fairy, premiato in festival internazionali, che vanta naturalmente una colonna sonora interessante, come potete sentire in sottofondo, e il ritorno del vincitore del Grand Prize nel 2014, Bill Plympton, con il live action Hitler’s Folly, in cui potremo vedere il dittatore nei panni di un filmmaker fallito. Tra i film italiani uno sguardo interessato va a Almost Dead di Giorgio Bruno, opera dalle tinte forti, alla Walking Dead e in stile Romero, inserita nella sezione “Follie notturne”, mentre nella sezione “short” troviamo Blue Unnatural, robot, mutanti, e cyborg dell’universo cyberpunk di Marco Bolognesi.

Il programma completo è disponibile su futurefilmfestival.org

Buone visioni da Anna Sbarrai 

Tags

Note

A cura di Anna Sbarrai

Commenti

commenti gestiti con Disqus