Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Il Sindaco

Storia di un'utopia realizzata

Cari ascoltatori, oggi il cinema ci porta nella storia del '900, presentandoci su grande schermo uno dei suoi protagonisti politici più interessanti, Giuseppe Dozza, di cui con il docu-film "Il Sindaco" potremo conoscere particolari sino a ora poco noti della sua politica, dei suoi 21 anni al servizio dei cittadini, e anche della sua vita privata.

In Emilia Romagna, ma soprattutto a Bologna, il lascito di Dozza continua a vivere in scuole, vie, strutture, circoli, cooperative che portano il suo nome, testimonianza di un modello economico-sociale esemplare in tutto il mondo, ma che oggi, 70 anni dopo, è a rischio di disgregazione e dimenticanza.
Ad aprire una riflessione su questi principi e valori in cui i diritti delle persone sono al centro di uno stato evoluto - principi che, certamente, oggi sarebbe il caso di rivalutare - sono Danilo Caracciolo e Roberto Montanari , autori e registi da tempo impegnati in progetti in cui protagonisti sono la storia e i personaggi che l'hanno fatta. A loro quindi la parola per farci conoscere meglio Giuseppe Dozza.

Intervista a Caracciolo e Montanari

A Ivano Marescotti, lo avete sentito, il compito di accompagnare gli spettatori nei luoghi e nelle situazioni in cui Dozza è stato protagonista. Quella di Marescotti è stata una scelta naturale per i registi, dato che, anche l'attore è da tempo interessato a progetti culturali sulla storia italiana ed emiliano romagnola, come ci ha raccontato lui stesso.

Intervista a Ivano Marescotti

"Il Sindaco", realizzato con il contributo di Emilia Romagna Film Commission, e con le testimonianze di Luca Alessandrini e di Luisa Lama, sarà presentato a Bologna in prima nazionale il 5 dicembre alle 18 presso il cinema Lumière, in Piazzetta Pasolini, già via Azzo Gardino, 65, evento a cui tutti siete invitati a partecipare.

Un saluto da Anna Sbarrai.

Il trailer https://vimeo.com/143601108

Tags

Note

A cura di Anna Sbarrai

Commenti

commenti gestiti con Disqus