Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Magazzini FreeMusic

La selezione musicale da Magazzini Sonori

Cari ascoltatori di RadioEmiliaRomagna, bentornati all'ascolto di Magazzini FreeMusic, la selezione musicale dall'archivio di Magazzini Sonori.

La primavera è finalmente arrivata e, come sempre, ci rende romantici ma cercheremo di non essere banali. Al bando le rime, i soli, i cuori e i palpiti, in un percorso fra gli amori dei nostri artisti emiliano-romagnoli.

Iniziamo con Andrea Vanzo, compositore, produttore artistico, arrangiatore bolognese che più volte abbiamo incontrato qui su Magazzini FreeMusic. Andrea ha composto colonne sonore per il cinema e per il teatro, ha lavorato stabilmente dal 2007 al 2013 con la compagnia bolognese Instabili Vaganti, realizzando le musiche di scena per molti loro spettacoli, e vanta collaborazioni importanti anche con artisti della scena pop e rock della nostra Regione. Ma in tema di fermenti primaverili non potevamo che scegliere dalla sua FreeZone un canto dedicato ai novelli sposi, un Epitalamio qui eseguito da Lorenzo Meo al pianoforte e Paolo Di Francia al violoncello.

Epitalamio (A. Vanzo) -  Lorenzo Meo - pianoforte, Paolo Di Francia - violoncello

Questa era Epitalamio, ossia "canto sul talamo nuziale". Si tratta di un'antica tradizione, che risale addirittura all'antica Grecia, ossia l'usanza di intonare agli sposi la sera della festa di nozze una serenata per augurar loro una vita prospera e un'unione felice. Andrea Vanzo la reinterpreta qui in una versione moderna, per pianoforte e violoncello. Il prossimo brano arriva direttamente da "L'Elisir d'amore", opera leggera di Gaetano Donizzetti. Nel duetto Quanto amore! Adina scopre dall'astuto Dulcamara che Nemorino ha acquistato da lui l'elisir per farla innamorare, e realizza quindi che il ragazzo è davvero innamorato di lei. Lo ascoltiamo dalle voci del soprano Ruzan Mantashyan e del baritono Felipe Oliveira.

Quanto amore! (G. Donizzetti) - Ruzan Mantashyan - soprano, Felipe Oliveira - baritono

Questo era il duetto Quanto amore! in una registrazione live dal Teatro Comunale "L. Pavarotti" di Modena, nell'esecuzione degli allievi dell'Accademia di Alto Perfezionamento per Cantanti Lirici CUBEC diretta da Mirella Freni. Per il prossimo ascolto ci spostiamo in Romagna, per la precisione andiamo sui colli faentini, a Castelraniero, dove ogni anno a inizio maggio si svolge La Musica nelle Aie, un'incantevole tre-giorni di musica e eno-gastronomia consumata sui prati e fra le vigne. A guidare la squadra del festival di Castelraniero è Pietro Bandini, in arte Quinzân, cantante, contadino e tanto altro. Dal suo album del 2012, edito da Galletti-Boston, ascoltiamo la title-track Venì, venì e mi amore.

Venì, venì e mi amore - Quinzân

Il folk di Quinzân ci ha portato in Romagna, mentre col prossimo artista torniamo a Bologna. Enrico Zoni, giovanissimo cantautore, musicista e producer, ha pubblicato nel gennaio 2016 il suo primo album dal titolo "Artisticando". Da allora è iniziato un anno pieno di musica live e di soddisfazioni, con un mini-tour europeo e il suo esordio nel mondo del cinema. Zoni ha infatti composto la colonna sonora del trailer di "Rosso Istria", cortometraggio presentato alla scorsa edizione della Mostra del Cinema di Venezia. E poi a dicembre arriva un nuovo ep di quattro brani. Oggi però torniamo alle tracce di "Artisticando" e ascoltiamo Un amore un po' vintage.

Un amore un po' vintage - Enrico Zoni

Con Enrico Zoni ci avviciniamo alla conclusione della playlist di questa settimana. Ci lasciamo sulle note di un altro artista bolognese, Lo Yeti. Nato dall'esperienza di Pierluigi Marconcini, Lo Yeti è un progetto musicale fra pop, elettronica e cantautorato, che ha da pochissimo dato alla luce il suo primo lavoro discografico dal titolo "Le Memorie dell'Acqua". In attesa di poter ascoltare altri assaggi dall'album qui su RadioEmiliaRomagna, con il singolo Amore bufalo vi salutiamo e vi diamo appuntamento alla prossima puntata di Magazzini FreeMusic.

Amore bufalo - Lo Yeti

Tags

Note

A cura di Magazzini Sonori

Commenti

commenti gestiti con Disqus