Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Fricò alla romagnola

Tante verdure in padella da accompagnare con la piada o lo squacquerone

Cari ascoltatori eccovi ancora insieme a Marina Leonardi per una nuova trasmissione dedicata alle ricette tipiche della nostra gastronomia. Oggi parleremo di un piatto tipico romagnolo, il Fricò e ne parliamo su suggerimento di William Zanatta, un romagnolo che ormai da diversi anni vive in Perù a Lima, dove ricordiamo risiedono diversi nostri corregionali che fanno capo all’Associazione Emiliano Romagnola del Perù. Zanatta è un grande appassionato di fotografia e di gastronomia. Nel suo paese d’adozione organizza spesso serate di proiezioni in cui illustra le bellezze dell’Emilia romagna tra cui quelle della nostra cucina. E proprio durante una di queste serate, illustrando il friggione bolognese che a William Zanatta è venuta l’idea di chiedere a noi di Radio Emilia Romagna di parlare del Fricò alla Romagnola e della sua ricetta. Eccolo accontentato.

Il Fricò, che è un cugino del friggione bolognese, pare derivare il nome dal verbo latino frico da cui frictum, nell’accezione di sfrigolare. Già avrete capito che si tratta di qualcosa che deve soffriggere, e a soffriggere sono delle verdure, peperone, melanzane, cipolle, zucchine a seconda di quello che offre la stagione.

Ci sono diversi modi per preparare il Fricò, variano a seconda se si decide di cuocere le verdure una alla volta o tutte insieme fin dall’inizio. Vi propongo la ricetta del volume Mangiare in Romagna, cultura, ricette e tradizione.

Ingredienti:
3 cipolle
2-3 melanzane
4 zucchine
2 peperoni
4, 5 pomodori maturi
olio extravergine di oliva (in abbondanza)
Sale e pepe

Tagliate le verdure a listarelle e passatele in padella una per volta, cominciate con le cipolle fatele stufare e una volta cotte rimettetele nella loro ciotola, così per ogni verdura seguendo appunto il tempo di cottura per ognuna ma ricordando di tenerle croccanti. Questo fino ai pomodori che devono essere gli ultimi ad essere cucinati. A questo punto, rimettete tutte le verdure in padella, salate, pepate e portate a fine cottura, mescolando di frequente perché non attacchino.

Il Fricò è ottimo come contorno, può accompagnare lo squacquerone e la piada. Col Fricò si può fare anche una saporita frittata o potete usarlo anche per condire la pasta.

Ecco questo è il fricò alla Romagnola, speriamo di aver soddisfatto la curiosità di William Zanatta, e se avete anche voi qualche curiosità, qualche domanda a proposito delle ricette tradizionali della nostra regione, scriveteci, trovate l’indirizzo sul nostro sito www.radioemiliaromagna.it

Un caro saluto da Marina Leonardi

 

 

Tags

Note

A cura di Marina Leonardi

Commenti

commenti gestiti con Disqus