Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Feet Down Below

E il loro album d’esordio dal titolo omonimo

Cari ascoltatori di RadioEmiliaRomagna , oggi andiamo a Piacenza per presentarvi il gruppo Feet Down Below e il loro disco d’esordio, dal titolo omonimo, che uscirà il 7 ottobre. In sottofondo potete ascoltare Dreamer, un brano dalle sonorità sixties  che evoca i Rolling Stones e  i Doors.

I Feet Down Below nascono nel 2008 aPiacenza dall'incontro tra gli ex Perla Madre, cioè Gianmaria Sesenna e Paolo Stabellini e la band Blue Juice,  composta da Andrea Canepari, Maurizio Caldini e Matteo Ziliani. 

La musica della band piacentina ha le sue radici e si fonda sull’amore per il rock, il blues e il folk americano e inglese e ha come riferimento sia classici degli anni '60 e '70come Beatles, Rolling Stones, Bob Dylan, Jimi Hendrix, CSN&Y, sia band più recenti quali Black Crowes e Wilco. 

Il cd “Feet Down Below” , che contiene dieci brani originali, è statoregistrato all'Elfo Studio di Tavernago (PC) . Le registrazioni sono state realizzate da Alberto Callegari e Daniele Mandelli mentre per il missaggio si sono affidati ad Andrea Cajelli. Il mastering è stato eseguito da Giovanni Versari aLa Maestà Mastering.

Ma entriamo ora nel vivo della musica della band piacentina Feet Down Below. 

Ascoltiamo il brano If You Wanna. Questo pezzo cattura il sound della british invasion con rimandi a Cream e Kinks in primis.

Cari ascoltatori di RadioEmiliaRomagna abbiamo il piacere di avere qui con noi oggi Paolo Stabellini, voce, chitarra, basso dei Feet Down Below

Intervista Paolo Stabellini

Brani
Gone
Road to the sky 

Bene grazie a Paolo Stabellini e ai Feet Down Below per averci concesso alcuni brani in anteprima del loro disco che ricordiamo uscirà il 7 ottobre.  Vi salutiamo ascoltando il brano Now Is The Time. Ciao a tutti da Cinzia Leoni.

Feet Down Below on web
https://www.facebook.com/FeetDownBelow 

Tags

Note

A cura di Cinzia Leoni e Angela Benassi

Commenti

commenti gestiti con Disqus