Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Una Stagione postmoderna. Cronache dagli anni Dieci

È dedicata a Pier Vittorio Tondelli la stagione autunnale di Teatri di Vita. A Bologna da ottobre a dicembre. Intervista a Stefano Casi

Siamo a Bologna questa settimana per parlarvi della nuova stagione autunnale di Teatri di Vita, che porta nel titolo e non solo, come ci racconterà tra breve il direttore artistico Stefano Casi, una dedica allo scrittore emiliano Pier Vittorio Tondelli, scomparso nel 1991 a 36 anni. “Un Weekend postmoderno. Cronache dagli anni Ottanta” è il volume di Tondelli a cui si fa riferimento nel titolo della stagione del teatro bolognese, dato alle stampe nel 1990 e ultimo pubblicato dallo scrittore dopo “Altri Libertini”, “Pao Pao”, “Rimini”, “Camere Separate” e “Biglietti agli amici”, testo di cui torneremo a parlare nell’intervista.

“Un week end postmoderno” è un libro di più di 600 pagine, con un indice dei nomi che da solo dà conto della vastità dello sguardo di Tondelli - vi si trovano accostati Roland Barthes e Pierangelo Bertoli, Raymond Carver e Nick Cave, ma anche Antonio Delfini e i Depeche Mode - una lettura da riprendere, uno spaccato densissimo su un decennio controverso, che è un vero e proprio viaggio nei nostri tempi, che è narrazione, descrizione e riflessione. Di questo e della prossima stagione di Teatri di Vita parliamo con Stefano Casi.

Intervista Stefano Casi

www.teatridivita.it

 

Avete ascoltato: The Smiths - There is A Light That Never Goes out

Tags

Note

A cura di Piera Raimondi Cominesi

Commenti

commenti gestiti con Disqus