Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Se lo puoi sognare lo puoi fare (Enzo Ferrari)

Il 10 marzo inaugura l’atteso Museo Casa Natale Enzo Ferrari

9 marzo 2012

A Modena, la grande macchina delle celebrazioni si era messa in moto già lo scorso 18 febbraio, giorno del compleanno di Enzo Ferrari: il count down con il grande orologio collocato in Piazzetta delle Ova a scandire ore, minuti e secondi, e l’allestimento dell’onda gialla per le vie della città, con striscioni, stendardi e bandiere a segnare il percorso che conduce al nuovo museo: il Museo Casa Natale Enzo Ferrari che finalmente, dopo anni di attesa e di lavori, finalmente apre i battenti domani 10 di marzo.

Il nuovo complesso museale, riconoscibilissimo per il tetto giallo sagomato come un grande cofano di automobile sportiva, sorge sull’antica casa in cui nacque Enzo Ferrari nel 1898. Il corpo abitativo originale è stato conservato insieme all’officina e si è fuso con il nuovo edificio dal design avvenieristico. Il colore scelto, il giallo, è il colore della città di Modena ed è lo stesso colore scelto dal Drake come sfondo del Cavallino, il marchio dell’azienda che porta il suo nome.

Nella casa natale un percorso multimediale permanente e di forte impatto ripercorre gli eventi più significativi della vita di Enzo Ferrari. Protagoniste dell’allestimento della nuova Galleria le automobili esposte come opere d’arte: espressione dei grandi marchi italiani e patrimonio di collezioni e musei internazionali di grande prestigio. I 5000 mq della struttura, la cui prima pietra fu posata il 20 febbraio 2009 alla presenza di Piero Ferrari, comprendono anche un’aula per la didattica con centro di documentazione digitale, una conference-room, una saletta per proiezioni cinematografiche, uno store ed una caffetteria. Grazie ad un allestimento flessibile e modulare la nuova Galleria può ospitare mostre temporanee che intrecceranno il tema dell’automobilismo con l’arte, la musica, scienza e tecnologia

Sono molto orgoglioso di poter dire che ce l’abbiamo fatta, con l’aiuto di molti, a partire dai nostri soci, partner e sponsor”, dice Mauro Tedeschini, presidente della Fondazione Casa Natale di Enzo Ferrari. “In questi anni il lavoro è stato duro ma l’emozione che oggi possiamo condividere con tutti i modenesi, guardando questo meraviglioso edificio è davvero tanta. Colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno deciso di aderire alla nostra Fondazione, confermando il prestigio e il valore di questo progetto.

E aggiunge Adriana Zini, Segretario Generale della Fondazione: “Il Museo Casa Enzo Ferrari di Modena rappresenta un completamento dell’offerta turistica in tema di motori del nostro territorio e diventerà presto luogo di culto per gli appassionati di motori e meta ambita per il turismo culturale ed industriale. E soprattutto opererà in sinergia col Museo Ferrari di Maranello e con le altre importanti realtà motoristiche del territorio”.

Il Museo apre con una mostra dal titolo Le origini del Mito, un allestimento dedicato alla storia di Enzo Ferrari uomo, pilota e costruttore, contestualizzata in quella del Novecento e dello scenario che lo vide indiscusso protagonista: l’automobilismo sportivo, con gli attori, i luoghi, le competizioni che caratterizzarono il contesto nel quale si sviluppò la sua vicenda: dal Circuito di Modena all’Aerautodromo e alla Mille Miglia; da tutti i protagonisti dell’epoca da Scaglietti, Fantuzzi, Stanguellini a Maserati, Pagani, De Tomaso e all’Alfa Romeo. La storia di questo incredibile uomo che sosteneva che “Se lo puoi sognare, lo puoi fare”, che vedeva nell’automobile anche un’opera d’arte e considerava la corsa come un campo di prova e sperimentazione.

INFORMAZIONI

Museo Casa Natale Enzo Ferrari
Via Paolo Ferrari 85, Modena
Inaugurazione 10 marzo ore 16

Dall’11 marzo il Museo sarà aperto tutti i giorni:
1/10 – 30/4 ore 9.30 - 18.00
1/5 – 30/9 ore 9.30 -19.00

Biglietto:
Intero € 13,00
Ridotto € 11,00/9,00
Gratuito bambini fino a 5 anni, disabili

Info: www.museocasaenzoferrari.it

Note

A cura di Marina Leonardi

Commenti

commenti gestiti con Disqus