Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Silvia Salmeri e Valerio Betti: “Destinazione Umana”

In Valsamoggia è nato un portale turistico che cambia lo spirito del viaggio: non conta tanto dove arrivare, quanto chi andare a conoscere

Care amiche e cari amici di RadioEmiliaRomagna, protagonista di oggi è una coppia che, insieme a un gruppo di coetanei, ha creato un sito web interamente dedicato a tutti quelli che si mettono in viaggio per cambiare sè stessi e incontrare le storie degli altri, molto più che per collezionare nuovi selfy.

Nel gennaio del 2012 Silvia Salmeri e il marito Valerio Betti aprono un blog intitolato “ViviSostenibile”, per parlare di ambiente e dei modi per rispettarlo nelle azioni di ogni giorno. Dopo 9 mesi, grazie all’impulso dei social, il blog li ha messi in relazione con altre persone che credono in questi valori. Silvia ne trae un’ispirazione: lascia il suo lavoro e accetta la proposta di gestire un “bed&breakfast” nelle colline bolognesi della Valsamoggia.
Quando l’incarico, loro malgrado, viene a finire, avere avuto la forza di fare un cambiamento di vita così importante porta i due a immaginare una nuova meta: mettere in contatto persone che abbiano fatto un’esperienza analoga e unirle in una rete.

Il blog diventa un’associazione e in pochi mesi le strutture ricettive in rete passano da 5 a 30. Nasce da qui il sito web “Destinazione Umana”, una vera e propria agenzia di viaggi che dà lavoro a 9 persone impegnate a promuovere concretamente un’idea diversa di turismo, non più centrata sui posti in cui andare, ma sulle persone da andare a conoscere: www.destinazioneumana.it.

Di recente, con Silvia Bernardi e Silvia Santachiara, Silvia Salmeri ha realizzato con l’editore Giraldi una guida che raccoglie tutte le “destinazioni umane” che hanno selezionato in giro per l’Italia, a partire dall’Emilia-Romagna. L’abbiamo intervistata per farci raccontare di più.

 

Tags

Note

A cura di Vittorio Ferorelli. Intervista di Linda Vukaj

Commenti

commenti gestiti con Disqus