Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Al carvaj - Le crepe

Poesie di Laura Turci tratte dalla raccolta omonima (Cesena, Società editrice “Il Ponte Vecchio”, 2013)

Laura Turci scrive le sue poesie nel dialetto che si parla a Meldola, sulle prime colline tra Forlì e Cesena, ma i temi, le scene e i dettagli sui cui appunta la sua attenzione riguardano la realtà del mondo nel suo manifestarsi e il tempo che trascorre ovunque. Le abbiamo chiesto di leggerci alcuni versi tratti dalla sua prima raccolta.

Al carvaj

Al carvaj int i mur
agli arcôrda al strèdi
du ch’u cor
i fiòm
o i cunfen ad païs
ch’an n’ò mai vest.
I mur
j è giazé d’invéran,
s’t’ ai poȥ una mân
a sóra
t’pu imaȥinè
cum’ l’à da ës la môrta
e a che pinsir
t’vult j occ
vérs la finëstra
par tirè un êtar rispir
e avé l’șir
ad piantè
i pi int la tëra.

Le crepe
Le crepe nei muri / ricordano le strade / dove corrono / i fiumi / o i confini di paesi / che non ho mai visto. / I muri / sono freddi d’inverno, / se ci appoggi una mano / sopra / puoi immaginare / come deve essere la morte / e a quel pensiero / volgi gli occhi / verso la finestra / per prendere / un altro respiro / e avere il tempo / di piantare / i piedi nella terra.

------------------------------

Sté parlè

Sté parlè
l’è cumpagna moschi
ch’al peccia
int i vìdar,
una córsa ad bastèrd
int e’ salghè.
Sé,
a j ò capì,
t’am é capì,
a j ò int al mân
un rușlaz ad chêrta fena
ch’u pè vér,
basta ch’u-n pjuva.

Questo parlare
Questo parlare / è come mosche / che picchiano / sui vetri, / una corsa di bambini / nel selciato. / Sì, / ti ho capito, / mi hai capito, / ho nelle mani / un papavero di carta fine, / che pare vero, / purché non piova.

------------------------------

In ca

A stè tröp in ca
e’ mònd
u-t-s scrècca adös
e t’at scurd
nench ad gvardè
da la finëstra.
Agl’ösi
al s’amoccia
òna sóra cl’ètra
e t’dvent znin
cum’un babin
e t’invej a ‘rmuliné cun la tèsta;
t’è voja d’un cvël
pu d’cl’ètar
mo t’an-t șmèș
e e’ cȏr
u-t trampala
che l’è ȥa vnu séra
e la tu giuventù
l’è una parȏla
in bocca
a ch’ïtar.

In casa
A stare troppo in casa / il mondo / ti si stringe addosso / e dimentichi / anche di guardare / dalla finestra. / Le ossa / si ammucchiano / una sopra l’altra / e diventi piccolo / come un bambino / e cominci a rimuginare con la testa; / hai voglia di una cosa / poi di un’altra / ma non ti muovi / e il cuore / ti trema / che è già calata la sera / e la tua gioventù / è una parola / in bocca / agli altri.

------------------------------

I dè lòngh

U j è di dè lòngh
duvò a-n s’incuntram mai;
a-s ȥiram da tònd
a-s guardam int i occ
e a-n-s gem gninta
o do parȏli,
cum’a stét?
E u n’è ch’ a sema
instizì,
l’è sól che la nösta ca
la dventa e’ mònd
e ognon u s’i botta indrenta,
pu u zérca un canton
pr’arpunsês
o, frustir,
șmaris dl’ët.

I giorni lunghi
Ci sono dei giorni lunghi / dove non ci incontriamo mai; / ci giriamo attorno / ci guardiamo negli occhi / e non ci diciamo niente / o due parole, / come stai? / E non è che siamo / arrabbiati, / è solo che la nostra casa / diventa il mondo / e ognuno ci si butta dentro, / poi cerca un angolo / per riposarsi / o, straniero, / perdersi ancora.

------------------------------

La nèbia

La nèbia
la ’gloppa l’ilușion
d’un mònd tröp znin
cvânt t’ vu gvardè da longh,
e’ șgvèrd
u-t rimbèlza indrì șmarì.
E un èlbur
l’è l’ùtum èlbur,
una ca, l’utma ca,
un òman
l’è un sogn
d’un òman sól.

La nèbia
l’è fè e’ mònd a memôria,
un ètar mònd, donca,
nàsar un êtra vôlta,
rimigè tot cvel t’ci
e șlunghè e’ cöl
sóra la séva.

Nenca j élbur
i-s stroppia apösta
par magnê piò sól.

La nebbia
La nebbia / avvolge l’illusione / di un mondo troppo piccolo; / quando vuoi guardare lontano, / lo sguardo / ti rimbalza indietro smarrito. / E un albero / è l’ultimo albero, / una casa, l’ultima casa, / un uomo / è un sogno / di un uomo solo. // La nebbia / è fare il mondo a memoria, / un altro mondo, dunque, / nascere un’altra volta, / raccogliere tutto ciò che sei / e allungare il collo / sopra la siepe. // Anche gli alberi / si storpiano apposta / per mangiare più sole.

------------------------------

Urazion

E’ mi Signor,
fa ch’un mênca mai:

a e’ zil,
l’ora di vécc,
tra e’ dè e la nòta;

a la tëra,
la carvaja
ch’la s’ingola e’ fiom;

a l’èlbur,
la gozla d’ambra
sora la frida;

e a l’oman
zil e rispir,
tëra e pëla,
élbur e osi,
e al paroli
dla cunsulazion.

Preghiera
Signore, / fa’ che non manchi mai: // al cielo, / l’ora dei vecchi, / tra il giorno e la notte; // alla terra, / la crepa / che ingoia il fiume; // all’albero, / la goccia d’ambra / sulla ferita; // e all’uomo / cielo e respiro, / terra e pelle, / alberi e ossa, / e le parole / della consolazione.

------------------------------

I murt

I murt
ch’i t’ guèrda
dal fotografìi
d’e’ campsant,
ciapè int un rispir,
j è sré
in tal casi zinchëdi
a mudè
int un suspir
ad porbia.

Pu i va
pr’al strèdi di viv,
a piatès
in tal robi
de mond.

E’ mi ba,
che adès l’è un bon ba,
l’è int e’ vlên celëst
ch’u s’ dà al vidi,
int e’ vers dal ranoci,
e int la poppa ch’la vola
dri de fiom.

I morti
I morti / che ti guardano / dalle fotografie / del cimitero, / presi in un respiro, / sono chiusi / nelle casse zincate / a mutare / in un sospiro / di polvere. // Poi vanno / per le strade dei vivi, / a nascondersi / nelle cose / del mondo. // Il mio babbo, / che ora è un buon babbo, / è nel veleno celeste / che si dà alle viti, / nel verso delle rane, / e nell’upupa che vola / vicino al fiume.

------------------------------

Un ètar timpurèl

Incù e’ zil
l’è una cverta ad novli grisi
dri a pianzar.
La tëra zetta la sta da ’stè.
U’m pè du inamuré,
on in pët a cl’ëtar,
ch’i voja fè l’amor
par la prêma völta.
Pu l’eria la s’ fa carga
e la j unés int na saètta.

E u piov
sora la campagna
cumpagna aqua sora una spogna,
sanz’armor.
E’ zil u trova pès.
La tëra la bé
da la su stèssa bocca.

Un altro temporale
Oggi il cielo / è una coperta di nuvole grigie / vicino al pianto. / La terra silenziosa attende. / Mi sembrano due innamorati, / uno di fronte all’altro, / che vogliano fare l’amore / per la prima volta. / Poi l’aria si fa carica / e li unisce in una saetta. // E piove / sulla campagna / come acqua sopra una spugna, / senza rumore. / Il cielo trova pace. / La terra beve / dalla sua stessa bocca.

------------------------------

Dop a la nèva

Sora e’ sintir di zardîn
a camên.
L’erba la crès tra l’ pré
e la rimpés i svuit
ch’a j avan lasè.
E’ camp l’è vérd
cum’e’ fond d’un lègh.
Dla néva ch’ la s’è sfata
l’è arvanzè
dal moci znini,
ch’a s-ciaz aposta
cun i stivél gros
par sintì l’armor.
E u m’ pè d’ës e’ Signor
ch’u fa, u sfa, u seiva
un’ëva
ch’la j è lè, par chës.
Inveci,
a so l’erba
ch’la fiurés in bacont
ad qui chi guèrda
et che al pré.
E una pscolla
ch’ la pörta e’ zil
l’è e’ spëc
du ch’a m’ho
d’arcnossar.

Dopo la neve
Sopra il sentiero dei giardini / cammino. / L’erba cresce tra le pietre / e riempie i vuoti / che abbiamo lasciato. / Il campo è verde / come il fondo di un lago. / Della neve che si è sciolta / sono rimasti / piccoli mucchi, / che schiaccio apposta / con gli stivali grossi / per sentire il rumore. / E mi sembra di essere il Signore / che fa, disfa, salva / un’ape, / che è lì, per caso. / Invece, / sono l’erba / che fiorisce a dispetto / di chi guarda / solo le pietre. / E una pozzanghera / che porta il cielo / è lo specchio / in cui devo / riconoscermi.

------------------------------

Sàbat

Quant a végh, e’ sàbat,
al doni d’una zerta etè
ch’a l’ scapa da la paruchira
cun la mesinpiga
e la faza inrusida,
pr’andè a custudì
oman, fiul, vsen, vécc,
e int j occ
la strachèza;
o al frustiri
ch’a l’ caména drì i marìd
a testa basa
e a testa basa nanca da par sè,
u’ m ciapa dal völti una tenerèzza
e una voja ad pianz e ad rugiè
par tot al carèzi, al brazèdi, i bis
ch’a n’ avan avù o putù dmandè,
par la blèzza lasèda int i fos
cumpagna fiur saibedgh
impasì,
sot e’ sol ch’u s’à carsù
e ch’u s’ vléva a testa dretta
e a occ avirt.

Sabato
Quando vedo, il sabato, / le donne di una certa età / che escono dalla parrucchiera / con la messinpiega / e il viso arrossato, / per andare a custodire / uomini, figli, vicini, vecchi, / e negli occhi / la stanchezza; / o le straniere / che camminano dietro ai mariti / a testa bassa / e a testa bassa anche da sole, / mi prende a volte una tenerezza / e una voglia di piangere e di gridare / per tutte le carezze, gli abbracci, i baci / che non abbiamo avuto o potuto chiedere, / per la bellezza lasciata nei fossi / come fiori selvatici / appassiti, / sotto il sole che ci ha cresciute / e che ci voleva a testa alta / e a occhi aperti.
 

Tags

Note

A cura di Vittorio Ferorelli e Rita Giannini. Lettura di Laura Turci

Commenti

commenti gestiti con Disqus