Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

E' malàn dla nòta

Poesie di Annalisa Teodorani, tratte da raccolte varie

Originaria di Santarcangelo, Annalisa Teodorani ha esordito appena ventenne, inserendosi nel solco della poesia dialettale romagnola. La sua chiarezza nasce, come dice lei stessa, da una "febbre che brucia i residui e lascia l'essenziale". Ascoltiamo la sua voce.

[Per la realizzazione di questa puntata dobbiamo un ringraziamento particolare a Davide Pioggia, curatore del sito "Dialetti romagnoli in rete" (www.dialettiromagnoli.it), e all'Istituto Friedrich Schürr per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio dialettale romagnolo (argaza.racine.ra.it)]


I zchèurs dla zènta
Dal vólti a m mètt ma la finèstra
e a stag da sintói i zchèurs dla zènta:
da spèss i è acsè strach
che la s putrébb sparagnè
la fadóiga d'arvoi la bòcca.
Mo se la zcòrr in dialètt
alòura i zchèurs i arciàpa vigòur,
énca al patachèdi,
e u m vén vòia d'andè ad ciòtta
a dói la mi.

I discorsi della gente
A volte mi metto alla finestra
e sto a sentire i discorsi della gente:
spesso sono così stanchi
che si potrebbe risparmiare
la fatica di aprire la bocca.
Ma se parlano in dialetto
allora i discorsi prendono vigore,
anche le sciocchezze,
e mi viene voglia di scendere in strada
a dire la mia.

[poesia tratta dalla raccolta "Par sénza gnént" (Rimini, Luisè, 1999)]

--------------------------------------

Du an
Al mèni a l vuntèva di giarùl
te vièl s'un vstidìn a pois.
L'éra la vóita d'un pasaròt ch'e' zùga
s'una sménta, un fiòur...
Pu l'à tàch a pióv
la catóiva stasòun la s'à ingulè.
A i'ò cmè un'òmbra t'un cantòun d'un òc
u n gn'è gnént in fònd a e' curidéur
però u m tòcca sèmpra guardè.

Due anni
Le mani tracimavano di sassolini
nel viale con un vestitino a pois
Era la vita di un passerotto che gioca
con una semenza, un fiore...
Poi ha cominciato a piovere
la cattiva stagione ci ha ingoiati.
Ho come un'ombra nell'angolo di un occhio
non c'è nulla in fondo al corridoio
però devo sempre guardare.


Setèmbri
Énca un zéi
e' cmìnza a fè òmbra.

Settembre
Anche un ciglio
comincia a fare ombra.


L'udòur de sàbdi
A n l'arcórd
l'udòur de sàbdi scapènd da scóla
arcórd snò ch'a séra lizìra
e l'aria d'atòunda
l'éra tótta da boi.

L'odore del sabato
Non ricordo
l'odore del sabato uscendo da scuola
ricordo soltanto che ero leggera
e l'aria attorno
era tutta da bere.


E' malàn dla nòta
E' malàn dla nòta e' sta
te fònd d'una cunchéa svóita
là do ch'u s racói e mèr
che ta ne vóid mo ta l sé ch'u i è
e ta l sint quant e' cambia e' vént.

Il rumore della notte
Il rumore della notte sta
nel fondo di una conchiglia vuota
là dove si raccoglie il mare
che non vedi ma sai che c'è
e lo senti quando cambia il vento.

[poesie tratte dalla raccolta "La chèrta da zugh" (Cesena, Società Editrice "Il Ponte Vecchio", 2004)]

--------------------------------------

Al Zéi
Te schéur dla voita
Sla curouna tal mèni
A gli à fat la vègia
M'un dispiasoir a la volta.
A l cnos la radga d'ogni fiour.
Al zéi a gli à la scórza di arzipréss
E quant al pienz
Resna e mél.

Le zie
Nel buio della vita
con il rosario tra le mani
hanno vegliato
un dolore alla volta.
Conoscono la radice di ogni fiore.
Le zie hanno la scorza dei cipressi
e quando piangono
resina e miele.


L' Amour
Fa' còunt e Vajont
Una muntagna ch'la va zò tl' aqua.
L'amour l' è un invarnèda
Ch' la giàza al tubatéuri
L'è una diga
Senza gnenca un rubinèt.

L' Amore
Fai conto il Vajont
una montagna che cade nell'acqua
l'amore è un inverno
che gela le tubature
è una diga
senza nemmeno un rubinetto.


Sudisfaziòun
Ta m dé la sudisfaziòun
D' una puràza svóita.

Soddisfazione
Mi dai la soddisfazione
di una vongola vuota.


Al spousi zòvni
Al spousi zòvni l'è pavaiòti
Ch'a l perd l'arzént pr'una fulèda ad vént
Gòzli d'aqua
Ch' a l roiga un voidar
La matòina prèst.

Le giovani spose
Le giovani spose sono falene
che perdono l'argento per una folata di vento
gocce d'acqua
che rigano un vetro
al mattino presto


Cmè la léuna
Ta n pu dmandè
D'andè dalòngh da te.
Euna cmè la léuna
tal nòti
Ad me u s vàid
Una fitina stóila.

Come la luna
Non puoi chiedere
Di andare lontano da te.
Una come la luna
nelle notti
Di me si vede
Una fettina sottile.


La dóta
I cavéll pulóid
I arléus te sòul
Cavéll ad ragàza da imbastoi curéd.
Che la nona e la ma a l s'aracmànda.
La mi dóta
L'è un fas ad spoin.

La dote
I capelli puliti
brillano nel sole
capelli di ragazza da imbastire corredi.
Che la nonna e la mamma si raccomandano.
La mia dote
è un fascio di spini.


Un pèl
Dal vólti t' arvènz
Cmè éun ad chi pèl
Ma la bòca de pòunt.
Quand la voita la n t lasa i segn
la t lasa agli òmbri.

Un palo
A volte rimani
come uno di quei pali
alla bocca del ponte.
Quando la vita non ti lascia i segni
ti lascia le ombre.

[poesie tratte dalla raccolta "Sòta la guàza" (Cesena, Società Editrice "Il Ponte Vecchio", 2010)]

Tags

Note

A cura di Vittorio Ferorelli. Lettura di Annalisa Teodorani. Collaborazione di Davide Pioggia

Commenti

commenti gestiti con Disqus