Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Nìva

Poesie di Lidiana Fabbri, tratte da raccolte varie, o inedite

Nata a Cerasòlo di Coriano, Lidiana Fabbri vive e scrive le sue poesie a Gaiofàna, alle porte di Rimini. Nei suoi versi in dialetto, qui letti da lei stessa, protagoniste sono spesso le donne, con il loro coraggio e la loro sapienza.

[Per la realizzazione di questa puntata dobbiamo un ringraziamento particolare a Davide Pioggia, curatore del sito “Dialetti romagnoli in rete” e autore delle trascrizioni e delle traduzioni dei brani: www.dialettiromagnoli.it]

La bughéda

Da la matèina prëst,
che ancóra u n gn’ ëra e’ sól,
l’ ëra stéṡa
la bughéda t l’ ëra.
La mùsica la n si santìva
e’ mèsstri u n si vidìva.
S’ un fìl ad vënt
i lanzùl i balëva l istèss.

Il bucato

Dalla mattina presto,
ché ancora non c’era il sole,
era steso
il bucato nell’aia.
La musica non si sentiva
il maestro non si vedeva.
Con un filo di vento
i lenzuoli ballavano lo stesso.


La növa

L ëra un vìa vài
ad döni,
s’ la sèccia, la bacinëla,
sọ e żọ per la schéla
s’ l’ àqua chélda de’ caldìr.
Sugamën biénc, cadèin,
tìl ad lanzùl.
U i ëra un gràn sfugnẹzz
quànd u s parturìva
ad chéṡa.
Pọ u s santìva
pièggn e’ burdlìn,
i dulùr i ëra pàs,
e’ vìa vài fnìd.
U s pasëva vóṡa,
qualcdùn ad cùrsa
e’ purtëva la növa
m’ e’ marìd,
ch’ l arëva in chéva
la préṡa.



La notizia

Era un viavai
di donne,
col secchio, la bacinella,
su e giù per la scala
con l’acqua calda della caldaia.
Asciugamani bianchi, catini,
teli di lenzuolo.
C’era una gran confusione
quando si partoriva
in casa.
Poi si sentiva
piangere il bimbo,
i dolori erano passati,
il viavai finito.
Si passava voce,
qualcuno di corsa
portava la notizia
al marito,
che arava in fondo
alla presa.


La fòlla

I vistìd i ëra grànd,
u s capìva bën
quànd al döni
agl’ aspitëva
un burdël.
E’ dẹ dòpp ch’ l ëra nëd
i vṡèin i s gìva
‒ ma nùn burdẹll ‒
che la nöta
i l avìva tröv t l ört,
sòtta i chévli.



La fola

I vestiti erano grandi,
si capiva bene
quando le donne
aspettavano
un bambino.
Il giorno dopo che era nato
i vicini ci dicevano
- a noi bambini -
che la notte
l’avevano trovato nell’orto
sotto i cavoli.


[nel titolo il gioco di parole è intraducibile: fòlla in dialetto significa “favola”, ma può essere inteso anche come “bugia”; in italiano il termine che si approssima meglio è “fola”, che ha anche la stessa etimologia]

[poesie tratte dalla raccolta S’un fil ad vènt (Coriano, Biblioteca Comunale “Giovanni Antonio Battarra”, 2007)]

--------------------------------------

Lọ e lìa

Lọ quàtri pàs davënti,
lìa di drì,
al spàli göbi,
i ọcc’ ma tëra.
Lìa la n à
snò e’ péṡ
dal bórsi dla spéṡa.



Lui e lei

Lui quattro passi avanti,
lei dietro,
le spalle ingobbite,
gli occhi a terra.
Lei non ha
solo il peso
delle borse della spesa.


E’ vëṡ ad geràni

L è arvënz
snò un vëṡ ad geràni
sla fnëstra.
L è mëż bruṡëd d’ e’ frèdd,
ma chi dọ fiùr rọss
i n vö murì.



Il vaso di gerani

È rimasto
solo un vaso di gerani
sulla finestra.
È mezzo bruciato dal freddo,
ma quei due fiori rossi
non vogliono morire.

[poesie tratte dalla raccolta Garnèli (Rimini, Raffaelli Editore, 2009)]

--------------------------------------

Nìva

La s përd davënti mu mẹ
cla curòuna ad mùnt,
s’ e’ vél da spóṡa
l è na maravẹa.
A stàg ilẹ a guardëla.
Cla caparëla biénca
la crùv tọtt al röbi,
u i è un udór particulër,
e u m ciàpa un sentimënt
ch’ u m arpörta indrì.

L invërni l ëra lònng e frèdd,
e’ nëṡ giàz,
al mëni sënza guënt,
e i pìd instichéd
drëntra la nìva
fìna al ṡnöci
per andë a scöla.
E’ bufëva una màsa
cla völta.
I nọsst i stëva sọ prëst
per fë la ròtta s’ e’ badìl,
da la pörta fìna la strëda,
da la pörta fìna l’ ëra.

U n si cuntëva i dẹ,
sperànd ch’ l’ andẹss vìa prëst,
u s aspitëva,
u s aspitëva l’ ària tèvvda.
Öż l è cumè arcurdë
una vëcia fòlla.



Neve

Si perde davanti a me
quella corona di monti,
con il velo da sposa
è una meraviglia.
Sto lì a guardarla.
Quel mantello bianco
copre tutte le cose,
c’è un odore particolare,
e mi prende un sentimento
che mi riporta indietro.

L’inverno era lungo e freddo,
il naso gelato,
le mani senza guanti,
i piedi affondati
dentro la neve
fino alle ginocchia
per andare a scuola.
Nevicava molto
quella volta.
I nostri si alzavano presto
per aprire un sentiero col badile,
dalla porta fino alla strada,
dalla porta fino all’aia.

Non si contavano i giorni,
sperando che se ne andasse presto,
si aspettava,
si aspettava l’aria tiepida.
Oggi è come ricordare
una vecchia favola.

[poesia tratta da “L’Altimetro. Notiziario della Sezione di Rimini del Club Alpino Italiano” (maggio-agosto 2010)]

--------------------------------------

La pörta vërta

La vóṡa chélda
fìn da matèina prëst
e’ paréva da bévla
drënta la tàza de’ làt.
Al strisëva al pìghi dla tu sutëna
tra al röbi dla cuṡèina.
A t guardëva s’ la mi muṡaröla,
a t guardëva la dmènnga s’ e’ vistìd növ.
La s è sbiavì d afàt
l’ infẹżżna t e’ spëc’ de’ cumò,
la s è lugrë la paranënza.
T e’ scùr dla chéṡa
e’ mi pàs e’ trambàla
e t l insọggne la tu mëna
l’ arcuclëva i mi cavẹll.
L è stë un ṡgònnd,
u i ëra d arnöv
la tu infẹżżna t e’ spëc’
e al pẹddghi t la pòllvra.
L ëra pàs l ëla d un ànżli
e u m à làs la pörta vërta.



La porta aperta

La voce calda
fin dalla mattina presto
sembrava di berla
dentro la tazza del latte.
Strisciavano le pieghe della tua sottana
fra le cose della cucina.
Ti guardavo col mio musetto sporco,
ti guardavo la domenica col vestito nuovo.
Si è sbiadita del tutto
l’immagine nello specchio del comò,
si è logorato il grembiule.
Nel buio della casa
il mio passo traballa
e nel sogno la tua mano
accarezzava i miei capelli.
È stato un secondo,
c’era di nuovo
la tua immagine nello specchio
e le impronte nella polvere.
Era passata l’ala di un angelo
e mi ha lasciato la porta aperta.


E’ vënt

L è ilażọ se’ mër,
nọvvli ciachédi e nìri,
e’ dà d mörs m’ i scọi,
la s arùgla la sàbia.

La su galöpa sọ tla culèina
la ṡmàna, la ṡbàt
tr’ al sìvi e i fọss,
fra le siepi e i fossi,
i rëm i gratùṡa e’ cél.

E’ spàza e u s gòunfia,
e’ mastìga e u s mëṡa t i cantùn,
e’ scapọzza t i scalèin,
e’ mëṡna e e’ sòffia t i camèin,
e’ dàndla sla cìma de’ tètt,
e’ càla e e’ biàsa spèssa la tènnda.

La su cantëda
l’ è una cantëda lònnga,
mẹ a sìnt frèdd,
che’ dùl u m dà dàn,
a l ciùd ad fùra
e’ vënt,
ma al sìnt da tònnda l istèss.



Il vento

È laggiù sul mare,
nuvole schiacciate e nere,
morde gli scogli,
si arrotola la sabbia.

Il suo galoppo su per la collina
scompiglia, sbatte
i rami grattugiano il cielo.

Spazza e si gonfia,
mastica e si nasconde negli angoli
inciampa negli scalini,
macina e soffia nei camini,
oscilla sulla cima dei tetti,
cala e biascica dietro la tenda.

Il suo canto
è un canto lungo,
io sento freddo,
quel lamento mi infastidisce,
lo chiudo di fuori
il vento,
ma lo sento attorno lo stesso.


L udór dal röbi

L udór che t ë làs
u i è ancóra t i pàn dl armëri,
e’ sudór dal fadìghi
tla cuërta che la n s è mài sughé.
Sọ e żọ per la schéla,
i fiùl tla brazëda,
stë sọ s’ e’ sól,
e’ pën fàt ad chéṡa,
ögni röba u i ëra la tu mëna.
Li s mucéva al staṡòun,
i zọccli t i pìd,
la sutëna bagnéda,
e’ ruṡëri la séra,
un sprài t i ọcc’
mai ṡmörz.
E s’ e’ bastòun
chi dọ pàs,
a modapèina
u t aiutëva a stë in pìd.
La tësta biénca,
la schìna pighéda,
isẹ znìna
t cìrti artórna burdëla.
E’ sól l ëra żà ëlt:
t e’ zẹtt ad cla matèina
la n s è vërta la tènnda
dla tu fnëstra.



L’odore delle cose

L’odore che hai lasciato
c’è ancora nei panni dell’armadio,
il sudore delle fatiche
nella coperta che non si è mai asciugata.
Su e giù per la scala,
i figli in braccio,
alzarsi col sole,
il pane fatto in casa,
in ogni cosa c’era la tua mano.
Si ammucchiavano le stagioni,
gli zoccoli ai piedi,
la sottana bagnata,
il rosario la sera,
una luce negli occhi
mai spenta.
E col bastone
quei due passi,
a malapena
ti aiutava a stare in piedi.
La testa bianca,
la schiena piegata,
così piccola
eri tornata bambina.
Il sole era già alto:
nel silenzio di quella mattina
non si è aperta la tenda
della tua finestra.


[poesie inedite]

Tags

Note

A cura di Vittorio Ferorelli. Lettura di Lidiana Fabbri. Collaborazione di Davide Pioggia.

Commenti

commenti gestiti con Disqus