Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Sénza vultés indrì - Senza voltarsi indietro

Poesie di Germana Borgini tratte dalla raccolta omonima (Imola, Editrice La Mandragora, 2017)

Originaria di Sogliano al Rubicone e trapiantata a Santarcangelo, Germana Borgini ha fuso le due parlate locali in una mescolanza particolarissima, che mette a frutto nelle sue poesie, spesso scaturite dalla contemplazione attenta della vita quotidiana. Ve ne proponiamo una scelta dalla sua seconda raccolta, letta dalla sua stessa voce.

Chèrta stràza

Cumè un pèz ad chèrta stràza
scarabucèda
spigazéda
impalutèda
e butéda vèa.
E pansè che lia l’érra pràunta
per dè e’ culàur me mònd.

Carta straccia. Come un pezzo di carta straccia / scarabocchiata / stropicciata / appallottolata / e gettata via. / E pensare che lei era pronta / per dare il colore al mondo.

-------------------------------------------

Fura dal strèdi

Un fiàur sidbàdgh
ch’lè crisèu da par lèu
lònga e’ fòs
fura dal strèdi
sénza l’amaùr ad nisèun
l’è fiuròi sa tótt la su belèzza
e u s n’è andè ad setèmbar
da par lèu tla pòrbia,
snò quèj
ch’j è vézz a farmès
e bàj e’ bèl
i l’à vést.

Fuori dalle strade. Un fiore selvatico / che è cresciuto solo / lungo il fosso / fuori dalle strade / senza l’amore di nessuno / è fiorito con tutta la sua bellezza / e se n’è andato a settembre / da solo nella polvere, / solo quelli / che sono abituati a fermarsi / e bere il bello / l’hanno visto.

-------------------------------------------

Sénza vultès indrì

Andè ‘vènti s’un gràn curàg
rapè sò
duò ch’la s fa dèura

ṣgrafigné la ròcia per pasè adlà
sénza vultès indrì
purtènd sal spali e’ pais.
d’un distóin vigliàch

senza dè da cnòss
mi fiül,

lujlt j à la vóita davènti.

Senza voltarsi indietro. Andare avanti con un gran coraggio / arrampicarsi / dove si fa dura // graffiare la roccia per passare aldilà / senza voltarsi indietro / portando sulle spalle il peso / di un destino vigliacco // senza far capire / ai figli, // loro hanno la vita davanti.

-------------------------------------------

E pu un dè

T’pàs e’ pàn se spèc
ùmbrèd
e tvàid tôtt cèr.

E poi un giorno. Passi il panno sullo specchio / appannato / e vedi tutto chiaro.

-------------------------------------------

Al poesì piò bèli

Incastrèdi
ti cantèun dla memória
al poeṣì piò bèli,
al s’afàza
vérs e’ dè
e al fa dal żirovaghi, di richèm
ch’l’è un spetècal.

Dispitàuṣi!
Quand t’sté sò de lèt
e t’zìrch un fòj
una pènna,
al sparés!

Le poesie più belle. Incastrate / negli angoli della memoria / le poesie più belle, / si affacciano / verso il giorno / e fanno delle giravolte, dei ricami / che è uno spettacolo. // Dispettose! // Quando ti alzi dal letto / cerchi un foglio / una penna, / spariscono!

-------------------------------------------

Stavólta a vàgh!

L’è quànd t’cì a lè tra e’ vàird e e’ sècch,
che ta ne sé se andè o arturnè,
e’ basta un gnént,
una paróla tra i dint,
un’ucèda stórta,
un silénzi,
un’alzèda ad spàli,
una żiréda ad chèul te lèt,
e’ basta un gnént
che u s zènd un scròch

tàcch
e quand l’è zàis u s’infiàma ta ne pò farmè.

E pu basta, fa quèst, fa stèlt, guasta, arfà,
dè e nòta, sl’arlóżż me’ côl!

A farébb la valòiṣa per andè,
per andè duvò?

Questa volta vado! È quando sei lì fra il verde e il secco, / che non sai se andare o tornare, / basta poco, / una parola tra i denti, / un’occhiata storta, / un silenzio, / un’alzata di spalle, / una girata di sedere nel letto, / basta poco / che si accende un bottone // tac / quando è acceso s’infiamma non lo puoi fermare. // E poi basta, fa questo, fa quest’altro, guasta, rifà, / giorno e notte, con l’orologio al collo! // Farei la valigia per andare, / per andare dove?

-------------------------------------------

E’ céntri socièl

U j amènca e ’su Quinto,
i fiùl tal su chèṣi,
e lìa da par sé
a fè nòta l’è gnàra!

Me céntri socièl invìci
la sta in cumpagnìa
la magna e la bàj.
L’è andèda ènca a scóla ‘d bàl.
La bàla? ‒ Ostà s’la bàla!
Nò da par lì, sa Pasquèl
che e’ bàla bén
ènca lèu l’è vèdvi.

U j amènca e ’su Quinto,
lèu e’ sarébb stè cuntént
d’avdàila a fè un valzèr
ènca se ma lèu
la n gn’à mai détt
che u j piaṣèva ad balè!

Il centro sociale. Le manca il suo Quinto, / i suoi figli nelle loro case, / e lei da sola / a fare notte è dura! // Al centro sociale invece / sta in compagnia / mangia e beve. / È andata anche a scuola di ballo. / Balla? – Caspita se balla! / Non da sola, con Pasquale / che balla bene / anche lui è vedovo. // Le manca il suo Quinto, / lui sarebbe stato contento / di vederla fare un valzer / anche se a lui / non ha mai detto / che le piaceva ballare!

-------------------------------------------

Sénza gnént

Èmm fis-cé sla piva fata se ṣgarzùl dla cana,
èmm guèrs per òuri al furmoighi caminé sòura una paja,
èmm spavantè i gażótt sla sfròmbla,
èmm fât saltè i sas sàura l’acva,
èmm tiràt i ruchétt ṣvóit dalòngh cumè tròtli,
èmm fât anéll d’ôr si schèrt ad rèm,
èmm guèrs e’ mònd grànd da sàura j èlbar,
èmm fât miéra ‘d sélt s’una córda ad stràz,
èmm pàs sal lózzlì al nòti piò nìri,
èmm fât e’ mònd sénza gnént,
che gnént
che j ócc incantéd di burdéll
i brèma.

Senza niente. Abbiamo fischiato con la trombetta fatta con il germoglio della canna, / abbiamo guardato per ore le formiche camminare sopra una paglia, / abbiamo spaventato gli uccelli con la fionda, / abbiamo fatto saltare i sassi sull’acqua, / abbiamo tirato rocchetti vuoti lontano come trottole, / abbiamo costruito anelli d’oro con gli scarti di rame, / abbiamo guardato il mondo grande da sopra gli alberi, / abbiamo fatto migliaia di salti con una corda di straccio, / abbiamo passato con le lucciole le notti più nere, / abbiamo fatto di tutto senza niente, / quel niente / che gli occhi incantati dei bambini / cercano disperatamente.

-------------------------------------------

Silénzi

U j è e’ silénzi dal cóṣi détti
che è làpa cumè la nèspla ancàura ṣérba.

U j è e’ silénzi dal còṣi non détti
che e’ schèva i sòichi de rimórs
cumè un teràl ch’e’ lavàura senza sosta, drènta.

U j è e’ silénzi ciacarèd
che u s’astròza sal paróli urlédi.

U j è e’ silénzi ch’u t fa paèura
ch’u t ciàpa t’un bòt e u t lasa senza fiè.

U j è e’ silénzi ròtt ad maravèja
ch’u t fa s-ciupè da la cuntantèzza
cumè quand che i tu fiùl, pèna néd,
i piànz per la pràima vólta.

Silenzio. C’è il silenzio delle cose dette / che è aspro come la nespola ancora acerba. // C’è il silenzio delle cose non dette / che scava i solchi del rimorso / come un tarlo che lavora senza sosta, dentro. // C’è il silenzio chiacchierato / che si strozza con le parole urlate. // C’è il silenzio che ti fa paura / che ti prende all’improvviso e ti lascia senza fiato. // C’è il silenzio rotto di meraviglia / che ti fa scoppiare di gioia / come quando i tuoi figli, appena nati, / piangono per la prima volta.
 

Tags

Note

A cura di Vittorio Ferorelli e Rita Giannini. Lettura di Germana Borgini