Salta al contenuto principale Salta alla mappa del sito a fondo pagina

Cmè un susòrr - Come un sussurro

Poesie di Gianni Fucci tratte dal libro “Antologia privata. Poesie in dialetto romagnolo 1981-2003” (Villa Verucchio, Pazzini Editore, 2006)

Aprire gli occhi, respirare a fondo e incantarsi ancora per un attimo, nonostante l’inevitabile consumarsi del tempo: è questo il dono che può farci la poesia secondo Gianni Fucci. Al poeta di Santarcangelo, che ci ha lasciati di recente, dedichiamo questa puntata, che propone alcuni dei suoi componimenti letti da lui stesso.

Ritrat

L’érra ingurdéizia ad vént
ad fiómm,
ad strêdi biénchi.

E l’évva un che ’d cavàl
quand ch’e’ curévva véa
si pi schêlz.

Ritratto. Era ingordigia di vento / di fiumi / di strade bianche. // E aveva un non so che di cavallo / quando correva via / a piedi scalzi.

-------------------------------

Stal vòusi

Stal vòusi che un mumént l’è gènghi spàchi
pu giarùl tónd e léss dréinta t’un fìómm.
Vòusi ch’agli à tólt sò
tótt’ al gréinzi de nòn
l’umòur dal mêni déuri, i sprài de sòul,
e a l s’invróccia te vént,
a l ràspa tra la tèra,
a l s-ciòca tal biastéimi,
a l scrólla i dint tla tégna,
a l spalênca al fìnèstri,
a l s’ ataca mi méur dal chêsi vèci
e a l li tén chêld.
E quand ch’a fémm l’amòur
l’è lózzli ad mél
si létt.

Queste voci. Queste voci che un momento sono genghe spaccate / poi sassolini rotondi dentro un fiume. / Voci che hanno raccolto / tutte le rughe del nonno / l’umore delle mani dure, gli sprazzi del sole, / e si intrecciano nel vento, / raspano tra la terra, / schioccano nelle bestemmie, / scrollano i denti nella rabbia, / spalancano le finestre, / si attaccano ai muri delle vecchie case
e le avvolgono di calore. / E quando facciamo l’amore / sono lucciole di miele
sui letti.


-------------------------------

Guardê la nàiva

Guardê la nàiva
che pién pién
la cruv i cópp, la strêda,
la campagna
e al vòusi ad tótt i dè.
Guardê che dòp,
e’ zil e’ dvénta un vàidar
acsè lóstar e giàz da ztó e’ fiè.
Guardê cla luce biénca
ch’l’à l’invéran
cmè un pranzéipi,
cmè ‘spitànd qualcósa o chissà chi.
E stê t’un’aria férma
gupléd dréinta un silénzi svérs
cumè t’un lémb
che guèsi t pò sintì arsunê e’ pensìr
cmè un strémmal
ch’l’è insén
un gnént e tótt inquèl.

Guardare la neve. / Guardare la neve / che pian piano / copre i coppi, la strada, / la campagna / e le voci d’ogni giorno. / Guardare che dopo, / il cielo diventa un vetro / così lustro e freddo da togliere il fiato. / Guardare quella luce bianca / dell’inverno / come un principio, / come aspettando qualcosa o chi sa chi. / E stare in un’aria ferma / avvolto in un silenzio immenso / come in un limbo / che quasi puoi sentire risuonare il pensiero / come un fremito / che è insieme / un niente e tutto quanto.

[da: Gianni Fucci, “La mórta e e’ cazadòur / La morte e il cacciatore, Rimini, Maggioli Editore, 1981]

--------------------------------------------------------------

Podês

Podês ch’a t’apa zirca t’un zardéin
tra l’aria cèra e ligra di rundéun
podês ch’a t’apa incòuntra t’un palàz
o pr una strêda ch’a n m’arcórd e’ nóm.

Podês ch’a t’apa avéu te bèl de témp
quand al stasòun l’érra dal còunchi ’d mél
podês ch’a t’apa tnéu sa tótt e’ cór
cumè ch’u s tén un gazutìn o un fiòur...

Podês invìci ta n fóss gnénca tè
e ch’a t’apa insugné una nòta ad vént.

Può darsi. Può darsi che t’abbia cercata in un giardino / tra l’aria chiara e allegra dei rondoni / può darsi che t’abbia incontrata in un palazzo / o per una strada di cui non so più il nome. // Può darsi che t’abbia avuta quando tutto era bello / e le stagioni erano conche di miele / può darsi che t’abbia tenuta con tutto il cuore / come si tiene un uccellino o un fiore... // Può darsi invece che non fossi tu / e che t’abbia solo sognata in una notte di vento.

-------------------------------

La sapiénza

Tal póchi ròbi t gévvi
tra chi silénzi lóngh
u i érra la sustênza de mònd.
La t sérra ingranznéida
datònda la bòcca, cmè un bêlsum
ch’a próv dal vólti a mètt
tal mi paróli.

La sapienza. Nelle poche cose che dicevi / fra quei lunghi silenzi / c’era la sostanza del mondo. / Ti si era rattrappita / attorno alla bocca, come un balsamo / che provo delle volte a mettere / nelle mie parole.

-------------------------------

I santìr biénch

I santìr biénch
i purtévva mi rivêl senza témp.
D’in êlt al nóvvli
l’érra di bastimént
par i nóst viàz.

E quèll che dòp u s sint u n’è al tròmbi
mo e’ batibói de cór.

I sentieri bianchi. I sentieri bianchi / conducevano agli argini senza tempo. / In alto le nuvole / erano dei bastimenti / per i nostri viaggi. // E ciò che poi si sente non sono le trombe / ma lo scompiglio del cuore.

[da: Gianni Fucci, “Êlbar dla memória / Alberi della memoria, Rimini, Maggioli Editore, 1989]

--------------------------------------------------------------

Nèbbia

Nèbbia: quant ch’u i n’è mài!
e’ mònd e’ pêr dalòngh, pin ad sunài
d’aria, ‘d gazótt, vòusi, silénzi, sgréss
e ‘d strêdi ch’u n su n sa dvè ch’a l va a réss...

Nebbia. Nebbia: quanta ce n’è mai! / il mondo pare lontano, pieno di sonagliere / d’aria, di uccelli, voci, silenzi, strida / e di strade che non si sa dove vanno a finire...

-------------------------------

La furméiga

                     ma la mi ma’

A la matéina prèst tra lómm e schéur
tl’udòur dla chêsa, intênt ch’a m lêv i dint
dal vólti, cumè t’un insógni, a t sint
s-ciaflê pr e’ curidéur.
E a t vèggh at cla cuséina nira ad fómm
péccla cmè una furméiga
ingubéida ’d fadéiga
a bazilé insina ch’u s vàid lómm.
Snò di sbócch d’òmbra e dal faldêdi ad gnént
quand l’êgh e’ gnécca apéna te didêl
si dè ch’i è sémpra uguèl
cmè talaràgn a la baléa de vént
e sl’òc ch’e’ dà d’insò
dri ma d’insógni znin, senza curnéisa,
fintênt che la tu véita léisa léisa
la n s’è rinacè piò.

La formica (a mia mamma). La mattina presto al far del giorno / nell’odore della casa, mentre mi lavo i denti / a volte come in sogno ti sento / ciabattare per il corridoio. / E ti vedo in quella cucina nera di fumo / piccola come una formica / gobba di fatica / trafficare finché si vede lume. / Solo sbocchi d’ombra e grembi di nulla / quando l’ago geme appena nel ditale / coi giorni sempre uguali / come ragnatele in balìa del vento / e con l’occhio che s’alza / verso piccoli sogni senza cornici / finché la tua vita lisa lisa / non s’è rammendata più.

-------------------------------

Nóvvli

Dal vólti a m mètt davênti la finèstra
ch’u m pis guardê chi ghéffal biénch ad luce
quand che te vént i dvénta di cavàl
di êlbar, di péss... aria smanêda... nóvvli...

A lèz te zil la trêma di mi dè.

Nuvole. Delle volte mi metto davanti alla finestra: / mi piace guardare quei gomitoli bianchi di luce / quando nel vento diventano dei cavalli / degli alberi, dei pesci... aria sconvolta... nuvole... // Leggo nel cielo la trama dei miei giorni.

[da: Gianni Fucci, “La balêda de vént / La ballata del vento, Verucchio, Pazzini Editore, 1996]

--------------------------------------------------------------

Te lêmp ad Hiroshima

Adès che t guèrd distràt
l’areclàm dal tivù
indvè ch’e’ córr un chên e u s férma e’ mònd,
che trenéin a vapòur de Marcadéin
ch’e’ pantiévva tra ‘l sìvi ad marugòun
e’ córr par sémpra, alà, ti tu dis an.

Podês tal mêni t pòsa ardéus la grêzia,
tla memória la distênza ch’u i è
tra la zèndra e la rósa;
mo par e’ bén de cór l’è piò impurtênt
e’ strimuléi d’una fòia te vént
o una bulêda ad sòul sòura e’ tapàid.

U n’importa ’d luté!
                             véita par véita
l’è mèi e’ sprài d’una luzzlìna ad fugh.
Fê cmè che giapunàis
che te lêmp d’Hiroshima
l’è dvént un’òmbra te cimént d’un pòunt.

Nel lampo di Hiroshima. Ora che guardi distratto / la reclame delle tivù / dove corre un cane e si ferma il mondo, / quel trenino a vapore di Mercatino / che ansimava fra le siepi di acacia / corre per sempre, là, nei tuoi dieci anni. // Forse nelle mani potrai radunare la grazia / nella memoria la distanza che c’è / fra la cenere e la rosa; / ma per il bene del cuore è più importante / il fremito d’una foglia nel vento / o una bolla di sole sul tappeto. // Non importa durare! / vita per vita / meglio il bagliore di una favilla. / Fare come quel giapponese / che nel lampo di Hiroshima / è diventato un’ombra nel cemento d’un ponte.

-------------------------------

Un pensìr d’êli

La piéna l’è un mêr svérs
gupléd tla nèbbia
e tla matéina u s sint
una gran vòia ad sòul
parsìna ti ómman ’d pietra de zardéin;
e sa cal fazi séri
u i pasa cmè un sulóstar d’alegréa,
un pensìr d’êli.

La lódla màta
magara la chênta t’un êlt zil.

Un pensiero d’ali. La pianura è un mare sconfinato / avvolto nella nebbia / e nella mattina si avverte / una gran voglia di sole / persino negli uomini di pietra del giardino, / e su quelle facce serie / passa un barbaglio d’allegria, / un pensiero d’ali. // L’allodola impazzita / magari canta in un altro cielo.

-------------------------------

Cmè un susòrr

L’è stê che dè, quand dréinta la tu cambra
guèsi e’ parévva ch’e’ fóss éintri e’ mêr
che, a l’impruvéis, t’é trasantéi cla vòusa
ch’la gévva: «E’ sòul, la léuna, la Mafalda:
tótt’ ròbi bèli, però ténti in mént:
e’ mònd l’è te su pasê».
                                    Cmè un susòrr
ch’u s sparguiévva alè, tl’aria durêda,
at che gran svéit t’avévvi tònda e’ cór;
at che strémmal lizìr
cmè un vòul ad pavaiòta sòura un fiòur.

Come un sussurro. È stato quel giorno, quando dentro la tua stanza / sembrava quasi fosse entrato il mare / che, all’improvviso, hai percepito quella voce / che diceva: «Il sole, la luna, la Mafalda: / tutte cose belle, però ricorda: / il mondo è nel suo passare». / Come un sussurro / che si spargeva lì, nell’aria dorata, / in quel gran vuoto che avevi attorno al cuore; / in quel fremito leggero / come un volo di farfalla sopra un fiore.

[da: Gianni Fucci, “Témp e tempèsti / Tempo e tempeste, Milano, Rosellina Archinto Editore, 2003]

--------------------------------------------------------------

Il cofanetto intitolato “La voce dei poeti”, pubblicato dall’editore Pier Giorgio Pazzini su progetto della Provincia di Rimini sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna, propone i testi scelti di sei poeti romagnoli, tratti dalla collana “Parole nell’ombra”: Raffaello Baldini, Gianni Fucci, Tonino Guerra, Valderico Mazzotti, Eugenio Pazzini e Nino Pedretti. Alla carta sono allegati i dischi con le loro voci che leggono i brani e, in aggiunta ai sei volumi, c’è il “Dizionario dei poeti dialettali romagnoli del Novecento” curato da Gianni Fucci.

Tags

Note

A cura di Vittorio Ferorelli e Rita Giannini

Commenti

commenti gestiti con Disqus